A San Roberto (RC) la “sagra ru paniculu e da patata ra terra forti”. Sgarlato ringrazia Raffa: “così creiamo sviluppo”

San Roberto, Sgarlato: “i prossimi obiettivi sono  la creazione di una filiera agricola locale, lo sviluppo delle botteghe artigianali, e l’istituzione di un mercato agricolo contadino per la vendita dei prodotti identitari della terra forte”

San Roberto“L’idea della cosiddetta terra forte ovvero dei “prodotti della terra forte” può costituire un valido fattore promozionale di grande effetto. Può essere interessante istituire un brand specifico connesso ai prodotti del territorio partendo dalla cosiddetta Patata forzata della terra forte e dal mais locale”.  Così l’agronomo ed esperto di sviluppo locale Rosario Previtera è voluto tornare con un intervento sul marketing territoriale a partire dalla valorizzazione delle produzioni locali ed a marchio De.c.o. (Denominazione Comunale di Origine) sulla Sagra ru paniculu e da patata ra terra forti e sul convegno svolto per la valorizzazione dei prodotti tipici, che solo pochi giorni fa hanno ottenuto uno straordinario successo, di critica e di pubblico. Secondo Previtera è possibile realizzare “un paniere che comprenda anche i derivati di tali prodotti e che sia contraddistinto da fattori quali la genuinità, il chilometro zero, la tradizione. E’ fondamentale – conclude l’esperto – legare un prodotto ad un territorio e ad un paesaggio affinché si possa parlare di prodotti identitari”. E Melia ha riscoperto e preso coscienza del valore della terra, della “terra forte” tipica di questa zona aspromontana, identificandosi con la stessa, consapevole della possibilità di svilupparsi nei mercati nazionali ed internazionali, con benefici effetti sull’economia e occupazione diretta e indiretta. A sottolinearlo è il Vicesindaco di San Roberto, Carmelo Sgarlato che ricorda come: “l’agricoltura, in un comune con grande disponibilità di terreni di grande qualità come il nostro, deve essere il settore su cui puntare. La sagra che abbiamo realizzato è solo uno degli eventi che la nostra Amministrazione realizzerà per valorizzare il territorio, per far conoscere questa terra “forte” e ricca”.  I prossimi obiettivi sono – secondo Sgarlato – “la creazione di una filiera agricola locale, lo sviluppo delle botteghe artigianali, e l’istituzione di un mercato agricolo contadino per la vendita dei prodotti identitari della terra forte. Serve per questo che tutte le forze politiche, gli enti locali e governativi, remino nella stessa direzione”.  “Un ringraziamento doveroso – continua ancora Sgarlato – va fatto a tutti i volontari che si sono impegnati per la realizzazione della Sagra, all’ex Amministratore Comunale Antonino Scopelliti, che ci è stato vicino in questi mesi di preparazione, e soprattutto al Presidente della Provincia Raffa, che ha sostenuto, non solo economicamente, questo evento, cogliendone in pieno le potenzialità e dimostrando la sua disponibilità a porre in essere tutte quelle azioni fondamentali a creare sviluppo all’interno del nostro territorio. Allo stesso e a tutta l’Amministrazione Provinciale il nostro ringraziamento anche per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle strade provinciali che ricadono nel nostro Comune, a dimostrazione della grande attenzione verso la sicurezza ed i bisogni dei cittadini che ha sempre caratterizzato il suo operato”. “Sono convinto – conclude il Vicesindaco – che il Presidente Raffa e gli altri Amministratori sosterranno anche in futuro iniziative come “la Sagra ru paniculu e da patata ra terra forti”, che certamente diverrà un appuntamento fisso negli anni successivi, garantendo ai cittadini e a questa terra, incredibilmente bella e ricca di potenzialità, il futuro che merita”.