Reggio, un gruppo di cittadini scrive a StrettoWeb: “soddisfazione per l’iniziativa mirata al recupero della area Tempietto”

Reggio, nasce il Comitato “Recuperiamo il Parco del Tempietto”: la soddisfazione di un gruppo di cittadini

450px-Reggio_calabria_veduta_del_lungomare_dallalto

Sono contenti e soddisfatti un gruppo di cittadini di Reggio frequentatori del parco del Tempietto per l’iniziativa di rivalutazione del parco.

“Vogliamo esprimere viva soddisfazione per l’iniziativa mirata al recupero, ci auguriamo, della area tempietto. Scriviamo poichè siamo assidui frequentatori della zona in qualità di sportivi che, al mattino,percorrono sud nord e viceversa l’intera Via Marina. Purtroppo -proseguono- le constatazioni sul degrado indecoroso dell’ intera area che inizia dal Calopinace le facciamo ogni mattina giungendo al parcheggio auto: sporcizia, inciviltà, ma soprattutto uno stato di abbandono ingiustificabile per una città che sulla carta e nella fantasia di qualcuno è sponsorizzata città turistica, metropolitana… Eppure – aggiungono- è un angolo dal panorama indiscutibilmente unico….perchè allora si fa tanta fatica a tenerlo adeguatamente integro e pulito? Perchè l’intera ringhiera del Belvedere è tenuta in quello stato? Perchè il popolo di ciclisti, runner,e sempilci appassionati delle camminate devono far ginkana tra bottiglie di vetro ed immondizia varia? Perchè non abbattere quel rudere che costeggia la ferrovia proprio di fronte il Tempietto? Perchè non dare nuova vita proprio al Tempietto anzichè lasciarlo solo come ricettacolo di schifezze varie? Pensare ad un parco con erba come St James a Londra è forse troppo, non possiamo pretendere di incontrare graziosi scoiattolini che si avvicinano per qualche ghianda ma certo faremmo volentieri a meno di trovare sul nostro cammino giganteschi topi che spuntano da ogni dove…e persino dal mare! Per sentito dire – concludono i frequentatori dell’area- l’area dovrebbe diventare per fine settembre il Villaggio Wellness, ci auguriamo di cuore che lo sia per sempre, la speranza è l’ ultima a morire e nel frattempo noi camminiamo….”

Lettera firmata