Reggio, sulla Festa l’arcivescovo attacca il Sindaco: “che senso ha festeggiare la Madonna in una città sempre più scristianizzata?”

Reggio, duro attacco dell’arcivescovo Fiorini Morosini all’Amministrazione Comunale

morosiniL’Arcivescovo di Reggio Calabria, mons. Giuseppe Fiorini Morosini, ha diffuso un video messaggio in occasione della Madonna della Consolazione, patrona della citta’, e fa una riflessione sul significato della festa patronale rispetto alla “scristianizzazione della societa’, al registro delle unioni civili e alla cultura Gender“.

Nei mesi scorsi il Consiglio comunale di Reggio Calabria ha approvato l’istituzione del registro delle unioni civili. Mons. Morosini, nel suo videomessaggio, si e’ chiesto “se ha senso celebrare il santo patrono in uno stato, in una citta’ che ormai si va sempre piu’ organizzando in una maniera laica, diciamolo pure, in maniera scristianizzata? Che senso ha che una citta’, che si vuole organizzare in una maniera laica, festeggi le ricorrenze religiose se poi fa leggi che sono contrarie alla Chiesa? Che senso ha il patronato religioso con il registro delle unioni civili? Che senso ha il patronato della Madonna con la visione della famiglia che oggi sta prendendo piede e con la cultura gender? Cosa ha che fare con la corruzione e la ndrangheta che esistono dappertutto“. “Questi sono i problemi – aggiunge mons. Morosini - che affiorano alla mia mente e al mio cuore e che vorrei consegnare a credenti e non perche’ la prossima festa della Madonna non si riduca alla solita cerimonia durante la quale gli affetti, i sentimenti saranno certamente forti - non sono io a giudicare il cuore della gente perche’ solo Dio giudica – penso, pero’ come Vescovo di avere la missione di richiamare l’attenzione di tutti su quanto finora ho detto“.