Reggio, sequestro Gazebo: il Tar accoglie il ricorso dei titolari, irregolarità nell’operato del Comune?

Reggio, il Tar da’ nuovamente ragione alla linea dei gestori dei Gazebo sequestrati ad agosto sul Lungomare

gazebo sequestrati Reggio (4)Il Tar della Regione Calabria (Sezione di Reggio Calabria) ha accolto in toto la linea dell’avvocato Marcello Morace, difensore dei gestori dei 5 gazebo del Lungomare sequestrati nella settimana di Ferragosto dalla Polizia Municipale su direttiva del Comune di Reggio Calabria, e ha confermato la sospensiva del provvedimento fino al 13 gennaio 2016, quindi per altri 4 mesi accogliendo il ricorso presentato dai titolari dei Gazebo dopo il provvedimento di sequestro.

Il giudice Roberto Politi ha potuto constatare la volontà, da parte degli esercenti, di saldare i debiti pregressi con il Comune, ma ha invitato tutte le parti a trovare una soluzione condivisa sulla rateizzazione del debito. In base alla linea difensiva presentata dall’avvocato Morace, sarebbero inoltre state riscontrate delle irregolarità da parte del Comune nelle “modus operandi” di sequestro e di comunicazione dell’intervento “da approfondire nell’appropriata sede di merito“. Chiaramente adesso è auspicabile che a gennaio le parti siano di comune accordo rispetto alla controversia.

I titolari dei Gazebo non nascondono la soddisfazione per un simile provvedimento che tende a ribadire la bontà del proprio operato.