Reggio, il sindaco: “l’approvazione del bilancio è prova di grande maturità”

Reggio, il primo cittadino: “abbiamo assistito ad una pagina da asilo all’apertura di questo Consiglio comunale per colpa della minoranza”

reggio consiglio comunale (1)“Abbiamo assistito ad una pagina da asilo all’apertura di questo Consiglio comunale. Ironia della sorte proprio nel giorno in cui questa Amministrazione ha riaperto l’asilo nido comunale del Cedir. Alla luce di quanto accaduto questa mattina, qualcuno farebbe bene a ritornarci. L’approvazione di questo bilancio è prova di grande maturità. Un grazie va all’assessore al bilancio Armando Neri; non volevamo fare un bilancio a tutti i costi, ed allo stesso tempo non volevamo mortificare ulteriormente i cittadini dichiarando il dissesto, il pericolo era davvero reale, noi con responsabilità abbiamo lavorato costantemente. Questo bilancio è un’esperienza di vita umana e professionale davvero intensa, fatto di sudore e sangue, ma soprattutto di intesa e sinergia tra tutti i consiglieri, gli assessori e i settori. È proprio questo che adesso ci consente di approvare un bilancio vero e veritiero che va oltre i numeri e le tabelle e soprattutto che va oltre il 6 più 6=13″ scrive in una nota il primo cittadino di Reggio. “Come allegato al bilancio, è stato approvato il Piano Triennale delle opere pubbliche, grazie anche al supporto del consigliere Giuseppe Sera presidente della Commissione Assetto del Territorio. Il piano triennale delle opere pubbliche interesserà le fognature, la rete idrica, l’illuminazione, gli impianti sportivi, le scuole, i cimiteri, le strade e le piazze, perché è questo quello che chiedono i cittadini. Ecco che alle polemiche di ieri, di oggi e di domani, rispondiamo con l’umiltà del nostro impegno. Qualcuno -prosegue- ci accusa di “immobilismo”, bene noi rispondiamo con i tanti cantieri aperti: il parcheggio multipiano di via Rausei, i lavori di rifacimento di Piazza Italia, la realizzazione del laboratorio universitario in zona Tempietto, il Lungomare di Gallico, con la riapertura del Castello Aragonese, il lavori sul Corso Garibaldi che procedono speditamente, la riapertura Parco Caserta,. E molti lavori ripartiranno a breve: il Parco Lineare Sud, Lido Comunale, Palazzo di Giustizia, il campo Coni, il Supercinema, le Aste del Calopinace.

E che dire – aggiunge- dell’avvio della raccolta differenziata: un’operazione streggio consiglio comunale (2)raordinaria, a cui nessuno credeva e sperava. Ed oggi la città è visibilmente più pulita. Grazie all’impegno dell’assessore Antonino Zimbalatti, abbiamo riaperto la discarica di Sambatello al 100%. Questa Amministrazione sin dal suo insediamento, ha puntato alla legalità. Legalità è dire che trasformiamo il dato negativo di più alto numero di beni confiscati, in dato positivo restituendo ai cittadini ciò che è stato loro sottratto. Beni che possono e che devono essere utilizzati anche per gli uffici comunali. Le Società in house, ad esempio, potranno utilizzare locali sottratti alla criminalità organizzata, senza andare ad affittare locali a spese del Comune: tutto ciò consiste in un’organizzazione più efficiente. L’organizzazione efficiente – ribadisce- ha interessato anche l’azienda di trasporti Atam, salvata a novembre e che grazie ai fondi comunitari europei si doterà anche di nuovi autobus. La possibilità di rimodulare i fondi del Decreto Reggio, ci consentirà di disegnare la città del domani: siamo noi al timone della città, non facciamoci sfuggire questa preziosa occasione, ma affrontiamo le cose con la giusta maturità. Oggi questa Amministrazione, riprendendo il dialogo con le istituzioni, su impulso che non viene solo dal sindaco, ma da tutti i cittadini, riesce ad allontanare gli anni bui che hanno offuscato la luce di cui vive questa città. Ritroviamo, pertanto, il senso di comunità, di responsabilità, di maturità e torniamo a dare l’esempio: la storia la cambiano solo le persone che hanno la capacità di sognare e di programmare, progettando il futuro del territorio e della comunità che si rappresenta. Ogni città – conclude- riceve la sua forma dal deserto a cui si oppone, noi al deserto delle bassezze, delle polemiche e della mediocrità, opponiamo, col sorriso, la forma della città che giorno dopo giorno stiamo plasmando da cittadini e con i cittadini onesti e liberi di questa città.