Reggina e Messina, quelle difese “girevoli”: da Burzigotti a De Bode, “walzer” tra le due sponde dello Stretto

La storia di Lorenzo Burzigotti e Alessio De Bode, “walzer” di difensori tra Messina e Reggina

de bode e burzigotti

Destini che si incrociano, voglia di ripartire, di riscattarsi, di giocare respirando il profumo dell’erba tipica dei campi di calcio. La storia di Lorenzo Burzigotti e Alessio De Bode è una storia di passione e d’intrecci tra le due sponde dello Stretto, tra la maglia amaranto e quella biancoscudata. Una storia di calcio e di speranza per due difensori centrali che oggi indossano la maglia opposta rispetto a quella che hanno già vestito nell’altra sponda dello Stretto. Walzer di centrali, storie dense tra Scilla & Cariddi.

burzigottiLorenzo Burzigotti ha 28 anni, alto 193cm, arriva alla Reggina in sordina nell’estate 2010. Per gli amaranto è la seconda stagione di serie B dopo il disastroso fallimento del progetto Novellino-Martino, quella che doveva essere la corazzata dei vari Volpi, Capelli, Buscè, Brienza Cacia veniva salvata in extremis dai giovanissimi Missiroli e Nicolas Viola con mister Breda in panchina. Nell’estate 2010 si riparte da zero, di quella stagione sportivamente drammatica restano soltanto Rizzato e Bonazzoli oltre ai giovani “figli del Sant’Agata”. Ma Giacchetta pesca bene dalle categorie minori, arrivano Acerbi e Burzigotti in difesa, Campagnacci in attacco. Burzigotti non riesce a trovare spazio in una retroguardia in cui con Acerbi, Cosenza e Adejo persino uno come Andrea Costa rimaneva in panchina. Per Burzigotti quell’anno 6 presenze in campionato e 2 in Coppa Italia. Arrivava in sordina da Foggia, dove aveva disputato una grande stagione in Lega Pro. A Reggio diventava grande amico di Acerbi, un rapporto personale che è stretto ancora oggi. Mentre per uno si spalancavano le porte delle big della serie A, Burzigotti veniva girato sempre in prestito in squadra di bassa classifica della Lega Pro: prima al Latina nella stagione 2011/2012 (11 presenze e una rete, playout compresi), poi al Barletta nella stagione 2012/2013 (22 presenze e 3 reti, playout compresi), poi al Grosseto per due anni consecutivi (stagioni 2013/2014 e 2014/2015), 27 presenze e 1 gol il primo anno, 17 presenze e 1 gol la scorsa stagione. Adesso il Messina.

de bode 01Chi invece sta vestendo la maglia amaranto dopo un passato sulla sponda siciliana dello Stretto, è Alessio De Bode: 24 anni, alto 194cm, ha già esordito con la Reggina domenica al Granillo nella partita vinta 1-0 a fatica sulla Sarnese. A Messina è rimasto pochi mesi, 11 presenze in Seconda Divisione di Lega Pro (con 1 gol) nel 2013/2014, appena 5 lo scorso anno nel girone d’andata di Lega Pro. A gennaio è andato al Monza, sempre in Lega Pro, dove ha conquistato una miracolosa salvezza ai playout in una squadra praticamente priva di società. Complessivamente 16 presenze (playout completi), praticamente sempre titolare per tutto il girone di ritorno. In precedenza aveva giocato sempre in Lega Pro nel Viareggio (5 presenze, stagione 2012/2013), altro club che falliva proprio quell’anno. Nel 2011/2012 aveva “assaporato” anche la serie B con la maglia della Juve Stabia (9 presenze).

Destini incrociati per De Bode e Burzigotti, intrecci di mercato e di passione tra Reggina e Messina anche quest’anno che non si ritrovano nella stessa categoria ma con un augurio reciproco. Quello di tornare al più presto, entrambe, nelle categorie principali del calcio italiano, più consone al calore del pubblico di entrambe le città.