Palermo, il testimone di giustizia Ignazio Cutrò è stato assunto dalla Regione siciliana

PALERMOIl testimone di giustizia Ignazio Cutro’, 47 anni, di Bivona (Ag), imprenditore edile che nel 2008 accusò la cosca dei suoi estorsori (tutti condannati), è stato assunto dalla Regione siciliana in base alla legge regionale. ”Oggi posso dire che la mia lotta ha avuto un senso – dice Cutrò – La cosa ancor più bella è che andrò a lavorare in un ufficio regionale che ha sede a Bivona, nel mio paese, nello stesso centro in cui abitano le persone che ho indicato nelle aule giudiziarie”. ”Restare nella mia città – aggiunge - è stata, una grande vittoria. E lo è ancor di più lavorarci onestamente e da impiegato pubblico. Mi sento di rivolgere un ringraziamento alla magistratura, al prefetto di Agrigento, Nicola Diomede, e al presidente della Regione Rosario Crocetta che con la scelta di farmi lavorare in un ufficio regionale con sede nella mia Bivona ha lanciato un chiaro messaggio: le persone oneste e perbene restano libere e vivono dove vogliono. I malavitosi e i mafiosi devono andar via”.