Milazzo, cattivi odori dalla Raffineria: l’assessore scrive ai vertici dell’azienda e all’Arpa

La Giunta vuole chiarezza in merito agli olezzi emessi dall’impianto nella scorsa settimana

foto tratta dai social-network

foto tratta dai social-network

L’assessore all’Ambiente, Damiano Maisano, ha inviato una nota alla direzione della Raffineria con la quale chiede chiarimenti in merito ai cattivi odori registrati nei giorni scorsi in città ed in particolare in via Acqueviole, Ciantro, S. Paolino e Archi.

L’esponente della giunta Formica chiede, nel dettaglio, “le opportune verifiche nei dati di monitoraggio interno acquisiti, estendendo tale ricognizione anche alle specifiche attività di movimentazione dei prodotti nel terminale marittimo del medesimo impianto”. Alla ENI S.p.a Divisione Gas e Power e, “segnatamente alla Sede operativa incaricata del coordinamento delle attività di manutenzione degli impianti dislocati su questo Comune, chiede poi di verificare l’esistenza di potenziali emissioni o sfiati rilasciati dagli impianti di via degli Orti e dalle varie infrastrutture di riferimento, al fine di individuare perdite accidentali dalla rete locale o dalle relative sottostazioni. All’Arpa di Messina si chiede di eseguire una specifica valutazione dei dati intercettati della centralina di rilevazione Termica” ubicata nella scuola “Carrubaro” in località S. Pietro.