Messina, Trotta convoca Accorinti e chiede chiarimenti sulle auto ritirate ai volontari della protezione civile

Il rappresentante del Governo ha avuto un colloquio col primo cittadino evidenziando il vulnus per il sistema di soccorso ed assistenza

protezione civile sicilianaIl Prefetto di Messina, Stefano Trotta, venuto a conoscenza dell’eventualità  denunciata da alcune associazioni comunali di volontariato, operanti nell’ambito della protezione civile, di dover restituire alla Regione, a causa di asserita inattività del Comune di Messina, i mezzi di soccorso finora avuti in comodato, ha ritenuto estremamente preoccupante e grave la notizia, che, se vera, costituirebbe un vulnus per il sistema di soccorso ed assistenza alla popolazione in caso di necessità.

A tale riguardo, nella considerazione che la pianificazione comunale di emergenza non può ritenersi avulsa dalla programmazione provinciale di protezione civile, la cui responsabilità ricade sulla Prefettura, ha, nella giornata di ieri, doverosamente chiesto al Sindaco del Comune capoluogo di essere tempestivamente informato sulle seguenti circostanze:

  • se risponda a verità la notizia circa la mancata partecipazione del Comune di Messina al bando del Dipartimento Regionale della Protezione Civile per l’assegnazione di N. 25 moduli antincendio, già in dotazione delle predette associazioni;
  • se la supposta restituzione dei moduli antincendio possa incidere in maniera negativa sulla organizzazione dei servizi di protezione civile in ragione della relativa pianificazione comunale;
  • se quanto asserito dalle associazioni di volontariato possa effettivamente depotenziare la capacità di intervento in caso di necessità a detrimento della sicurezza delle persone e dei beni.