Messina, recuperati i fondi Pac: 3,6 milioni a disposizione della città

L’Amministrazione salva in extremis un maxi-investimento. La gioia di De Cola e Cacciola: frutto di un lavoro puntuale

Comune-di-Messina-Palazzo-Zanca-1Potevano andare in fumo, ma per il rotto della cuffia sono stati recuperati: i fondi Pac destinati alla città – ed utili nel rilancio dei trasporti pubblici e del fotovoltaico – sono di nuovo a disposizione dell’Amministrazione. Si tratta di 3,6 milioni, indispensabili vista l’imminente cancellazione disposta dal Governo, stante l’incapacità di spendere registrata da diversi enti locali.

Apprendiamo la notizia davvero positiva – commentano in una nota congiunta Cacciola e De Cola  – dell’approvazione di tutte le nostre proposte, nonostante il drastico taglio dei fondi che ha comportato un abbattimento di circa il trenta per cento della dotazione totale. Questo risultato consentirà di far partire molto presto l’iter per l’acquisto di 32 nuovi bus, la realizzazione di due impianti fotovoltaici particolarmente rilevanti, oltre alla progettazione esecutiva di una serie di opere. E’ il frutto di un lavoro puntuale, rispettoso dei tempi e che in questo modo è riuscito a superare difficoltà invece insormontabili per altre amministrazioni. Merito va dato ai Dipartimenti Segreteria Generale – Marketing Territoriale, Mobilità Urbana, Lavori Pubblici e ai rispettivi funzionari – concludono gli esponenti della Giunta– che hanno seguito con grande diligenza tutto il tortuoso percorso. Abbiamo aggiunto un altro mattone nella costruzione di un modello di Città che passa da servizi efficienti e risposte alle esigenze dei nostri concittadini”.