Messina, l’addio dei frati carmelitani: domenica l’ultimo saluto alla città

I religiosi lasciano la nostra città dopo oltre sette secoli di presenza. Domenica alle 11.00 il loro saluto ai messinesi durante la Celebrazione Eucaristica

chiesa carmine messinaI Frati Carmelitani, nei prossimi giorni, lasceranno Messina. Domenica 27, alle ore 11.00, si terrà, presso il Santuario – Parrocchia S. Maria del Carmine, la Solenne Concelebrazione Eucaristica con il loro commiato. I due religiosi che sino a ora avevano abitato il convento di Messina andranno a far parte della comunità di Trapani. Sarà presente il Priore Provinciale dei Carmelitani P. Giovanni Grosso. Incerta, ancora, la presenza del dimissionario La Piana. I religiosi, in fuga dalla Terra Santa, erano giunti in città a metà ‘200 e qui avevano fondato il primo convento d’Europa. Parte fondamentale della storia di Messina, i Carmelitani non hanno fatto mancare il loro prezioso contribuito lungo i secoli. Si pensi alla figura di Sant’Alberto, frate carmelitano, nato a Trapani e morto a Messina (città della quale è compatrono), a cui si lega l’episodio del Vascelluzzo. O, ancora, vale la pena ricordare che proprio nel convento dei Carmelitani fu letto il testamento del pittore Antonello da Messina. Dal 1918, i religiosi guidavano una delle più antiche parrocchie della città, intitolata a San Lorenzo (dal 1988 “Santa Maria del Carmine”). Proprio oggi, durante l’assemblea del clero diocesano, l’Arcivescovo, mons. Calogero La Piana ha annunciato il nome del nuovo parroco. Si tratta di Don Gianfranco Centorrino, attuale parroco di S. Pietro Apostolo e S. Maria del Rosario in San Pier Niceto.