Messina, Kernel Festival. Accorinti: illumineremo d’arte la città

Spettacoli, concerti e giochi di luce: ecco l’essenza dell’evento previsto a Messina fra venerdì 4 e sabato 5

kernel festival messinaE’ stata illustrata oggi, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Zanca, dal sindaco, Renato Accorinti, dall’assessore, Sebastiano Pino, e dal direttore artistico, Marcello Arosio, Kernel Festival, kermesse internazionale che attraverso immagini, colori e suoni trasformerà la città di Messina in una delle più grandi ed evolute capitali europee. Presenti all’incontro anche Daniela Catanoso e Riccardo Bonaventura in rappresentanza dello staff organizzativo.

L’evento, che come prima e unica tappa nel sud Italia, si terrà a Messina venerdì 4 e sabato 5, è stato organizzato dall’ATS composta dal Comune di Messina – capofila (assessorato alla Cultura), GTS Consulting Srl, Grafo Editor Srl, Europrogetti & Finanza Srl e Sud Dimensione Servizi Srl, in collaborazione con AreaOdeon, in occasione della rassegna sperimentale Ottoeventi per il Centro di Competenza per lo sviluppo di servizi culturali e turistici nel campo dell’arte e dell’architettura contemporanea, finanziato dal PO-FESR 2007-2013. “Nel corso dei due giorni Messina sarà illuminata ad arte – hanno evidenziato Accorinti e Pinoattraverso spettacoli, concerti dal vivo e architetture di luci. L’audiovisual mapping trasformerà la città, creando effetti altamente suggestivi e valorizzando luoghi e monumenti con la tecnica di videoproiezione. Obiettivo della manifestazione che Messina ospita, per la prima volta, è promuovere la sperimentazione artistica con beni locali e giovani talenti”.

duomo messinaLe location interessate sono piazza Duomo, la Fiera di Messina e il Palacultura Antonello. Venerdì 4 e sabato 5, a piazza Duomo, sarà proposto “Audiovisual Mapping”, alle ore 21.30, il primo spettacolo, e alle 22,30 il secondo. La facciata del Duomo sarà rivissuta con i “corti” 3D che professionisti affermati e giovani talenti hanno elaborato ad hoc sull’architettura disegnata da Antonio Baboccio da Piperno tra la fine del XIV secolo e l’inizio del XV; uno spettacolo di immagini, colori e suoni che promette di condurre gli spettatori in un viaggio creativo ad alto contenuto tecnologico.

La Fiera di Messina, sempre nei due giorni e con apertura alle 21, sarà trasformata attraverso un lungo percorso di installazioni di luci dinamiche unite ad un’innovativa interpretazione artistica accompagnata da suoni, che si muovono in sincronia con i fasci di colore intorno ai visitatori; alle 22.30, Sound & Light Installation & Live Electronic Music, performance di ospiti nazionali ed internazionali legati al mondo della musica elettronica più innovativa con DJset e concerti live. Il PalAntonello, dalle 16, sarà sede, per entrambi i giorni, di incontri con gli artisti ospiti e workshop di avvicinamento alle tecniche presentate nell’ambito del Festival.

[foto tratta dai social-network]