Messina, gli animalisti di CMdB attaccano il Consiglio: “continue aggressioni” contro Ialacqua

Il gruppo tematico programma una raccolta firme per rilanciare il progetto Consulta

foto tratta dai social network

foto tratta dai social network

La bocciatura della Consulta Animalista non è andata giù agli attivisti di Cambiamo Messina dal Basso che hanno denunziato “le continue aggressioni da parte del Consiglio comunale“. “Si è voluto mortificare il lavoro fatto  dall’Assessore Ialacqua che, in stretta sinergia, con le realtà animaliste presenti sul territorio, iscritte allo Sportello dei Diritti degli Animali e non, ha parzialmente realizzato l’attuazione delle normative che finora, nella nostra città, erano rimaste in tutto o quasi lettera morta” incalzano dal movimento civico accorintiano. “A tal riguardo - aggiungono – ricordiamo inoltre la recente mancata approvazione nel bilancio di nuovi fondi destinati al benessere degli animali che, viste le urgenze presenti, avrebbero permesso la realizzazione di un rifugio sanitario e l’acquisto di un canile, apportando al contempo al comune un notevole risparmio (anche di diverse migliaia di euro l’anno)”. Stigmatizzando il “no” quale segno d’inciviltà nell’ambito di una comunità cittadina “che desidera una pacifica e libera convivenza uomo-animale“, il Gruppo Tematico Tutela degli Animali di CMdB programma una raccolta firme in supporto della Consulta Animalista e contro la miopia del consesso civico.