Messina all’Expo: presentato il programma a Palazzo Zanca

La città metropolitana si appresta a vivere l’esperienza del Cluster Bio Mediterraneo insieme a diversi comuni della Provincia. In cabina di regia Tonino Perna

padiglione sicilia expoL’esperto comunale del sindaco per le politiche turistiche, Filippo Grasso, e il funzionario comunale dell’Ufficio Marketing e Pianificazione Strategica, Giacomo Villari, presenti il sindaco di Montagna Reale, Anna Sidoti, l’assessore al turismo del comune di Furci Siculo e rappresentante dell’unione dei Comuni, Saverio Palato, altri rappresentanti istituzionali dei comuni partner e i tecnici del progetto, hanno illustrato oggi, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Zanca, il programma delle attività relative al progetto “Messina Città Metropolitana a Expo 2015”.

La partecipazione all’evento, promossa dall’assessore alla Cultura, Identità e Turismo, Tonino Perna, si svolgerà da lunedì 21 a domenica 27, al Cluster Bio Mediterraneo EXPO 2015. Il Comune di Messina, quale partner capofila, sarà presente insieme ai comuni di Antillo, Basicò, Casalvecchio Siculo, Castroreale, Forza D’Agró, Furci Siculo, Letojanni, Limina, Mandanici, Monforte San Giorgio, Montagnareale, Nizza di Sicilia, Pagliara, Roccafiorita, Roccalumera, Sant’Alessio Siculo, Santa Lucia del Mela, Santa Teresa Riva, Savoca, Scaletta Zanclea, Taormina, Terme Vigliatore; nonché il contributo della Fondazione ITS “Albatros” e dell’Associazione NonSoloCibus per il coordinamento e la direzione delle attività laboratoriali e di promozione delle eccellenze agroalimentari ed eno-gastronomiche territoriali. L’artista Cachaldora, con il Comune di Monforte San Giorgio, ha invece voluto donare i bozzetti per cartoline celebrative che saranno in distribuzione nell’area milanese per promuovere l’iniziativa.

renato accorinti“Si tratta di un progetto – ha affermato in una nota il sindaco Accorinti, assente all’incontro con la stampa per impegni istituzionali -  che dovrà rappresentare un’esperienza pilota volta a stimolare maggiori sinergie per un sempre più ampio coinvolgimento di tutti i comuni del territorio metropolitano che hanno voglia di crescere insieme e costruire una visione integrata di sviluppo sostenibile. Un legame tra territori diversi, ma fortemente motivati a costituire, finalmente, un ”sistema di rete” che certamente segnerà una ricaduta positiva in termini di promozione e valorizzazione delle produzioni tipiche locali e culturali delle singole Amministrazioni che hanno aderito al progetto insieme al sostegno dei partner. I colori, gli odori ed i sapori delle nostre eccellenze enogastronomiche saranno ulteriormente valorizzate dalla presenza di studiosi, medici, istituti scolastici, ma anche – ha concluso Accorinti – di artigiani, cantastorie, musicisti, gruppi folclorici che allieteranno ed accompagneranno idealmente i visitatori alla scoperta del buon vivere siciliano e messinese”.