Lega Pro, Benevento-Messina 0-0: i biancoscudati superano bene anche l’esame Vigorito

Una prova di grande sostanza da parte del Messina che, bravo e fortunato, esce imbattuto dal Vigorito a cospetto del Benevento: il racconto del match

benevento messinaEsame superato, per i bei voti ci sarà tempo. Perché il Messina che esce imbattuto dal Vigorito lascia bene sperare tutto l’ambiente giallorosso. Nel recupero della prima giornata di Lega Pro la squadra allenata da Arturo Di Napoli riesce a strappare un pareggio contro il Benevento, una delle formazioni più accreditate del torneo. E lo fa senza soffrire eccessivamente. La formazione siciliana è ben messa in campo, la coppia di centrali difensivi composta da Martinelli e Palumbo alza la diga, Giorgione corre quanto forse non ha fatto tutto il resto del centrocampo giallorosso nella scorsa stagione e Padulano per larghi tratti è imprendibile nell’uno contro uno. In attacco, ancora panchina per Diogo Tavares, titolare a sorpresa Cocuzza.

benevento messinaMa il Benevento è squadra tosta e quando attacca a pieno organico mette paura: ad inizio ripresa il palo colpito da Cissé fa venire i brividi al Messina. Coraggioso e fortunato. Perché la deviazione di Berardi sulla conclusione di Mazzeo che poi si infrange contro il palo avrebbe meritato sorte migliore. Con il passare dei minuti inizia a farsi sentire la stanchezza nelle fila giallorosse, ma Di Napoli invita i suoi a non schiacciarci. Non fornisce i frutti sperati l’ingresso di Diogo Tavares, la cui presenza però mette in apprensione la difesa del Benevento nelle rare sortite offensive dei siciliani. Unica nota stonata la rissa con doppia espulsione che ha visto come protagonisti Cissé e Berardi. L’abbraccio finale dei giocatori giallorossi a fine partita è emblematico, al Messina adesso va più che bene così. Per i trenta e lode la sensazione è che non ci sarà poi da attendere così tanto.