Le eccellenze agroalimentari della Calabria aprono la Settimana del Protagonismo in Expo Milano 2015

expo 2015 la calabria con il suo governatore - 7Cibo sano, produzioni d’eccellenza, frutti  in molti casi unici;  un’ agricoltura dagli aspetti peculiari, che ha saputo conservare la tradizione ma accogliendo l’innovazione, nella straordinaria varietà dei prodotti e dei paesaggi. E’ questa, in sintesi,  la Calabria che si è presentata  in Expo Milano 2015, nella prima giornata della Settimana del Protagonismo della Calabria, in programma sino al 30 settembre, dedicata alle eccellenze agroalimentari della regione. Nel corso di due meeting organizzati dalla Regione Calabria, guidata dal presidente Mario Oliverio,  in collaborazione con i Consorzi di Tutela dei Prodotti Dop e Igp, tenuti presso il Padiglione del Corriere della Sera,  è stato sottolineato il ruolo di un territorio che, da sempre, ha un posto nella storia dell’alimentazione e che, oggi, afferma la sua capacità di continuare a dare il proprio contributo alla produzione di cibo buono e pulito. Forte della qualità delle sue produzioni, che contano,  oltre i più di 250 prodotti tipici tradizionali, dodici  prodotti a marchio certificato, i DOP  Olio Alto crotonese, Bergamotto di Reggio Calabria – Olio essenziale, Olio Extravergine di Oliva Bruzio, Olio Extravergine di Oliva Lamezia, Caciocavallo Silano, Salumi calabresi (Capocollo, Pancetta, Salsiccia e Soppressata), Pecorino crotonese, Fichi dottati di Cosenza, Liquirizia di Calabria, cui vanno unite  le cinque I.G.P. Cipolla rossa di Tropea, Patata della Sila, Clementine di Calabria, Limone di Rocca Imperiale, Torrone di Bagnara, mentre , come detto oggi, l’Olio di Calabria è in protezione transitoria, in attesa della certificazione definitiva. E’, così,  che  la Calabria ha nel suo sistema agroalimentare la sua principale risorsa territoriale, la sua riserva di sviluppo, il suo “oro”;  tema portante, questo,  della giornata di apertura della Settimana del Protagonismo. Come ha ben rappresentato al foltissimo pubblico del Decumano di Expo, la degustazione che la Regione, insieme all’Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria e con la collaborazione dell’Agenzia Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese (Arsac), ha curato con i prodotti delle aziende agroalimentari di eccellenza e dei Consorzi di tutela e produzione dell’agroalimentare e del vitivinicolo. Degustazione che, tra l’altro, ha messo in risalto, la presenza, sul territorio regionale, di un sistema di formazione di tutto rispetto nel settore gastronomico, con il coinvolgimento di studenti e tutor degli Istituti Alberghieri. Una maniera per rendere protagonisti i giovani e le scuole che li formano in un settore importante del made in Italy. Negli incontri che hanno aperto le attività,  introdotti dal direttore generale del Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari della Regione Carmelo Salvino, dal dirigente del Settore Agricoltura Giacomo Giovinazzo e dal direttore generale del Dipartimento Turismo Pasquale Anastasi,  la Regione Calabria ha approfondito il tema del paniere delle eccellenze agroalimentari calabresi, insieme ai Consorzi di Tutela Dop e Igp e al Distretto Agroalimentare di Qualità di Sibari.

Realtà, quelle dei Consorzi di Tutela e del Distreexpo 2015 la calabria con il suo governatore - 8tto di Sibari che possono ben figurare nel sistema delle eccellenze non solo calabresi ma di tutto il Paese, caratterizzati, come sono, da livelli elevati di qualità dei prodotti, dell’organizzazione e dei processi produttivi. Infatti, clementine, bergamotto, cipolla di Tropea e torrone di Bagnara non solo costituiscono produzioni di peso nell’economia regionale (la Calabria produce più il 70% delle clementine nazionali, oltre che la totalità della produzione di bergamotto, specie agrumicola peculiare dell’area meridionale della regione), ma costituiscono anche produzioni originali e uniche della Calabria, figurando come veri e propri marcatori dell’identità regionale. Inoltre, rappresentano anche straordinari ambasciatori della qualità calabrese e italiana, in grado di proporsi con successo sui mercati internazionali. Come testimoniano sia la crescente attenzione verso queste produzioni sia la performance di alcune filiere -ortofrutta, lattiero-casearia, vitivinicola, dell’olio-  come insegna l’esperienza del Distretto Agroalimentare di Qualità di Sibari, uno dei più importanti a livello nazionale ed uno dei più attivi sulla scena internazionale, con importanti livelli di fatturato raggiunti nell’export.   A partecipare ai seguiti meeting, moderati da Laura Giardini del Corriere della Sera, il presidente del Distretto Agroalimentare di Qualità di Sibari Antonio Schiavelli; Antonio Veltri, presidente del Consorzio della Cipolla di Tropea IGP; Giorgio Salimbeni, presidente del Consorzio Clementine di Calabria IGP;  Maurizio Gramuglia, Presidente del Consorzio del Torrone di Bagnara IGP; Ezio Pizzi, presidente del Consorzio del Bergamotto; Natalia Saurin, giornalista che ha curato una originale ricerca sui dolci antropomorfi, quali il ” Dito di Apostolo” di Bagnara, uno fra gli assaggi insieme al Sospiro di Monaca (dolci la cui preparazione è nota dal 1700) proposti nella degustazione curata da Arsac e studenti e tutor degli istituti alberghieri della Calabria. Sull’altro importante tema trattato oggi, l’internazionalizzazione dei sistemi produttivi dell’agroalimentare  calabrese, con  l’amministratore delegato di Koelnmesse Italia Thomas Rosolia,  è stata, tra l’altro,  presentata la partecipazione della  Regione Calabria ad Anuga 2015, Fiera Internazionale Agroalimentare,  tra le più importanti al mondo. In  programma dal 10 al 14 ottobre prossimi, a Colonia, in Germania, oggetto di un Protocollo d’Intesa siglato proprio in Expo lo scorso mese di agosto, conterà la partecipazione di 40 aziende calabresi ed avrà, per la Calabria,  appositi spazi di promozione e valorizzazione. Nella prima giornata della Settimana del Protagonismo in Expo, di particolare impatto e coinvolgimento, la visione dei Bronzi di Riace, in immagini inedite e straordinarie girate dalla Rai in 4K, visibili per tutti e sei  i giorni. Seguita ed applaudita la ‘passeggiata’ lungo il Cardo ed il Decumano di Mata e Grifone, i Giganti provenienti per l’occasione da Palmi e dalla tradizione popolare legata anche alle feste religiose, leggendari e maestosi, trascinatori di pubblico e di entusiasmo. Altrettanto entusiasmo per la spettacolo live etnico-mediterraneo, in Palazzo Italia. Domani, Sabato 26 settembre giornata di Calabria “Terra del Vino”.

Opening event
Live music and culture
Taranta Nova, la tradizione musicale calabrese
Palazzo Italia, h. 15,05 – 15,50

Presentation
Carmelo Salvino
Direttore Generale del Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari della Regione Calabria
Padiglione del Corriere della Sera, h. 16,00

Un terra antica quanto il mondo. Archeologia del vino e storia dei vitigni calabresiexpo 2015 la calabria con il suo governatore - 3
La Regione Calabria con l’Università della Calabria
Workshop
Padiglione del Corriere della Sera, h. 16,05 – 16,50
Giacomo Giovinazzo, Dirigente del Settore Promozione e Valorizzazione delle Filiere Produttive Agricole e Agroalimentari della Regione Calabria
Giovanna De Sensi Sestito, Università della Calabria
L’oivos tra fonti storiche e letterarie
Stefania Mancuso, Università della Calabria
Luoghi di produzione e luoghi di consumo del vino: alcuni esempi di archeologia calabrese
Alessandra Pecci, Università della Calabria
Vino e residui chimici nei materiali archeologici. Potenzialità per il riconoscimento delle aree produttive antiche
Tullio Romita, Università della Calabria
Turismo di vino

La biodiversità dei vitigni autoctoni calabresi, patrimonio dell’Italia
La Regione Calabria con il Consorzio Euvite
Workshop
Padiglione del Corriere della Sera, h. 17,00 – 17,50
Gennaro Convertini, Divulgatore dell’Agenzia Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese
Carmine Maio, Responsabile dell’Ufficio Vitivinicolo Regione Calabria
Anna Schneider, Cnr/Istituto di Virologia Vegetale, Università di Torino Grugliasco
Franco Mannini, Cnr/Istituto di Virologia Vegetale, Università di Torino Grugliasco

Il vino calabrese nei mercati internazionali
La Regione Calabria con i Consorzi di Tutela del Vino, blogger e stampa specializzata
Workshop
Padiglione del Corriere della Sera, h. 18,00- 18,50
Giacomo Giovinazzo, Dirigente del Settore Promozione e Valorizzazione delle Filiere Produttive Agricole e Agroalimentari della Regione Calabria
Gennaro Convertini, Divulgatore dell’Agenzia Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese

Test the quality
Il Gaglioppo e il Magliocco, i vitigni-simbolo della Calabria
La Regione Calabria i Consorzi di tutela
Degustazione guidata di vini in purezza
Padiglione del Corriere della Sera, h. 19,00 – 19,50