Imprenditori scomparsi in Sicilia: si scava in un pozzo profondo 30 metri

Precipita elicottero in Valle d'Aosta, due mortiGli uomini del soccorso alpino stanno scavando in un terreno di Carini in provincia di Palermo in un pozzo profondo 30 metri per rimuovere massi e detriti dal fondo. La richiesta dell’intervento e’ della procura di Palermo che ormai da mesi nel territorio di Carini sta coordinando le ricerche dei corpi di Antonio e Stefano Maiorana, padre e figlio, imprenditori scomparsi il 3 agosto 2007. Il nuovo input all’inchiesta, archiviata che era stata riaperta alla fine dello scorso giugno, verrebbe da alcune indicazioni date agli investigatori. L’ultimo collaboratore che ha detto di conoscere particolari sulla sorte dei Maiorana e’ Vito Galatolo, ex capoclan dell’Acquasanta. Nei mesi scorsi le ruspe erano entrate in azione nei pressi di via Ercole e di via Agnelleria, in contrada Serra Cardillo. Scavi e e ricerche senza esito. Sara’ solo una coincidenza, ma proprio Villagrazia di Carini era la zona dove sarebbero stati agganciati i telefonini dei Maiorana. Secondo gli accertamenti svolti dall’avvocato Giacomo Frazzitta, legale dell’ex moglie e madre degli scomparsi, Rosalia Accardo, le celle telefoniche coincidevano con i tracciati telefonici dei Maiorana, e gia’ diversi mesi fa quella secondo il legale era l’area dove concentrare le ricerche. Che pero’ non hanno mai avuto alcun esito. Sono stati svolti diversi scavi invece nel cantiere di Isola delle Femmine dove i Maiorana stavano costruendo un residence da oltre 7 milioni di euro con la societa’ Calliope.