Calabria, lettera della Filt-Cgil al presidente dell’Anas

filcams-cgil al rettorato

Lettera del responsabile Regionale Anas  FILT CGIL Calabria, Francesco Fazzolari al presidente dell’Anas Armani:

Egregio Presidente,

Ho letto con molta attenzione la sua nota pubblicata sul quotidiano Il Sole 24 ore il 23 settembre u.s.. ho apprezzato la sua concretezza e l’attenzione che ha posto sul contenzioso con i dipendenti (1.000 cause di lavoro su 6.100 dipendenti). La FILT CGIL apprezza la sua attenzione indirizzata a risolvere le questioni pendenti – lei aggiunge – “al più presto”. Mi permetto di osservare che se le vertenze sono così tante, evidentemente qualcosa non funziona nel senso giusto. Probabilmente chi è preposto a valutare il merito di ognuno di noi non è del tutto adeguato. Ci piacerebbe definire in una sede apposita i contenziosi giudiziari in corso, evitando così spese su spese affinchè in maniera autorevole e trasparente, si diano certezze ai lavoratori che si sono rivolti alla giustizia. Sarà sicuramente una fase nuova quella che lei vuole mettere in campo per “disincrostare” vicende che si sono incancrenite. Risolvere le cause pendenti al più presto e, come lei dice, valorizzare il personale interno è davvero un grande cambiamento. Serve anche un nuovo contratto, ma come lei ben sa, un buon contratto “appeso al cielo” non risolverà le incrostazioni. Le relazioni che dovremo mettere in campo dovranno essere trasparenti, giuridicamente corrette e dovranno evidenziare che la parte datoriale avrà rispetto dei lavoratori e dei loro rappresentanti sindacali. Egregio Presidente, il suo affanno è il nostro e la sua missione industriale va nella direzione del miglioramento del progettare e gestire le strade. Non vogliamo qui mettere sale sulle ferite, vecchie ferite che non guariscono e che hanno fatto ridere il mondo intero per la lungaggine dei tempi di realizzazione e in alcuni casi scarsa qualità delle opere. La Calabria è una terra che ha bisogno di azioni forti e coraggiose. Noi riteniamo che lei sia la persona giusta ma al contempo sottolineiamo che il tempo scorre velocemente su un futuro incerto dell’Anas. Infine abbiamo più volte come FILT CGIL evidenziato che servono nuove assunzioni accompagnate da qualificata formazione e non si tratta solo di alleviare l’atavica disoccupazione ma di mettere in campo un’inversione di tendenza che assicuri e innovi in Calabria il trasporto quale elemento fondante per lo sviluppo che non può e non deve più attendere.