Barcellona P.G: Il Consiglio approva due emendamenti alla delibera di approvazione delle tariffe IMU e TASI. Soddisfatto Mamì

11128713_10153130866021539_6045444916129849399_nIl Consiglio comunale, riunitosi questa mattina, ha approvato due importanti emendamenti alla delibera di approvazione delle tariffe IMU e TASI. Il primo, proposto dal consigliere Antonio Mamì (nella foto) e fatto proprio ed integrato dalla IV Commissione consiliare, prevede la possibilità di beneficiare di un’aliquota IMU e TASI dimezzate per un triennio per gli immobili inagibili che vengono resi agibili a seguito di intervento di ristrutturazione, restauro o risanamento conservativo. Immobili che devono però appartenere alla categoria catastale A (da A/1 ad A/10) o alle categorie catastali C/1, C/2 o C/3. Il secondo emendamento, presentato dallo stesso consigliere Mamì, prevede un’aliquota IMU ridotta al 4,6 per mille e un’aliquota TASI ridotta allo 0,4 per mille, per tutte i soggetti proprietari di immobili che iniziano, all’interno degli stessi, una nuova attività produttiva che non sia una semplice prosecuzione di attività già esistente. L’aliquota ridotta verrà applicata per i primi tre anni dalla data di iscrizione dell’impresa alla Camera di Commercio, o se antecedente dalla data di attribuzione della partita IVA da parte dell’Agenzia delle Entrate. Non si considerano nuove iniziative produttive quelle derivanti da trasformazione, fusione, scissione, donazione, cessione o da altre operazioni che determinano la mera prosecuzione di un’attività già esercitata nel territorio comunale e/o che comportino un mutamento meramente soggettivo della titolarità di attività già esistente. Soddisfatto Mamì, che ha dichiarato: “Ho apprezzato la volontà di collaborazione delle due commissioni e l’approvazione degli emendamenti, visto che anche il mio spirito è stato quello di fornire soluzioni che potessero dare un seppur minimo ristoro alla cittadinanza senza incidere sul bilancio comunale.