A Montebello Jonico (Rc) la 3° edizione della Settimana del Pianeta Terra

188 MONTEBELLO IONICO Il Geosito delle Rocche di Prastara un'esperienza di Geo Tuning tra scienza e spiritualita, energia e gusto“Dalla Calabria vedremo l’Etna ascoltando i sussurri del vento ed ammirando un geo – sito che ispirò il cinema : Rocche di Prastarà “Fu proprio in questo luogo, alle Rocche di Prastarà a Montebello Jonico in Calabria, che Sant’Elia detto il Giovane riuscì a stabilire la propria dimora eremitica ed il suo Monastero basiliano . Ma le Rocche di Prastarà furono anche  scenario  del famoso film di Fellini e Germi, diretto dallo stesso Germi, “Il Brigante di Tacca del Lupo” (1952), interpretato da attori di calibro, quali Amedeo Nazzari, Cosetta Greco, Saro Urzì e Raf Vallone”. Lo ha annunciato Serena Palermiti , geologo , Presidente del Centro Studi Calabrese Peter . “Il 18 ottobre prossimo, saremo sul Mar Jonio ed in questo luogo , ascolteremo i sussurri del vento, “percependo”, sdraiati sul terreno, la potenza delle forze geologiche, dell’origine e della trasformazione; toccando – ha proseguito Palermiti –  con mani sensibili, le rughe delle pietre, che raccontano la memoria della Terra; assaggiando, con le papille gustative aperte a nuove esperienze, cibi contaminati dall’amore della natura che li ha prodotti e dalla passione del cuore che li ha cucinati. E dalla Calabria, dalle Rocche di Prastarà  vedremo addirittura l’Etna” . Dunque escursione in grande stile per visitare un Geosito di estrema importanza che “possiamo definire come “palestra del cristianesimo” , come luogo in grado di ospitare il profetico Sant’Elia Il Giovane – ha proseguito Palermiti -  e il suo amato discepolo San Daniele, dopo le tante peregrinazioni, dolori e angustie trascorse a girovagare in tre continenti, tra prigionie e schiavitù. E, in realtà, i Santi e i Briganti rappresentano bene l’essenza di questo Geosito, così come di tutta la Terra d’Aspromonte, luminosa e dura, sofferta e coraggiosa”. L’effetto strano di quella roccia che emette luce calda. “Suggestivo il fatto che la pietra calcarenitica delle Rocche di Prastarà – continua Palermiti -  emetta, una volta lavorata come materiale da costruzione, una luce estremamente calda”. “Curioso e ammirevole, che Germi, con Il brigante di Tacca del Lupo, abbia tentato una delle prime interpretazioni critiche della conquista garibaldina del meridione – ha concluso Palermiti – evidenziando le conseguenze di quell’occupazione piemontese, militare e dinastica, che si era impossessata del Meridione senza neppure provare ad incidere positivamente sul sistema sociale, ma anzi abbandonandolo a se stesso e combattendolo, aspramente, quando si era ribellato con il cosiddetto “brigantaggio”; termine questo che celava la realtà di una guerra civile del Meridione contro i “Piemontesi”Ma tutta l’Italia sarà protagonista di grandi eventi , ben 237 di cui 70 al Nord , molti sulle Isole , tanti al Centro e Sud del Paese . Più di 600 ricercatori impegnati per fare in modo che le geo – scienze possano entrare nelle case degli italiani , almeno 150 escursioni, più di 80 appuntamenti tra conferenze ed attività all’aperto. In quei giorni il Pianeta sarà l’Italia per una kermesse senza precedenti : Settimana del Pianeta Terra , creata da due ricercatori italiani quali Rodolfo Coccioni dell’Università di Urbino e Silvio Seno dell’Università di Pavia. In campo saranno università , musei, centri di ricerca .  Un grande evento riconosciuto dal MIUR con l’impegno delle università, dei musei, dei centri di ricerca, in tutta Italia.

Tutto il programma con tutti gli eventi è su www.settimanaterra.org

Carmine Verduci