Stretto di Messina, traghettamento dei Tir a rilento: le proteste del Comune

Stretto-di-MessinaA rilento il traghettamento dei tir sullo Stretto di Messina, con tempi lunghi di attesa per gli automezzi pesanti. Protesta il Comune. L’assessore alle Risorse del mare, Sebastiano Pino, ha inviato a tutti gli interessati e per conoscenza al Prefetto una nota in cui si denuncia come “ancora una volta, non venga rispettato l’accordo del 15 luglio scorso sul numero minimo di corse marittime da garantire in partenza dal porto di Tremestieri”. L’intesa, sollecitata dal prefetto, e’ stata sottoscritta dai Comuni di Messina e di Villa San Giovanni, dalla Capitaneria di Pprto, dall’Autorita’ Portuale di Messina e dalle societa’ di navigazione. Vi si prevede che dallo scalo di Tremestieri devono essere garantite almeno 41 corse al giorno, con una ripartizione concordata con compagnie dei traghetti. Ma lo scorso 10 agosto, affrma Pino, “sono state effettuate solo 34 corse in partenza da Tremestieri cosi’ suddivise: Meridiano 12 e Bluferries 9 come da accordo, mentre la societa’ Caronte & Tourist ha effettuato 13 corse invece delle 20 pattuite. La situazione, con ben 7 corse in meno su 41 -sottolinea l’assessore- e’ risultata aggravata dal fatto che dalle ore 20.12 per 1 ora e 41 minuti non si e’ registrata alcuna partenza per mancanza di navi”.