Sequestrata una nota struttura turistica storica in Calabria

foto SEQUESTRO guardia costieraUna storica struttura turistica nelle vicinanze della Torre Talao, nel Comune di Scalea, e’ stata sequestrata dalla Guardia Costiera per occupazione abusiva sul demanio marittimo. L’operazione e’ stata condotta dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Maratea, nell’ambito dell’Operazione denominata “Mare Sicuro 2015″, eseguita sotto il coordinamento della Capitaneria di Porto di Vibo Valentia Marina e su disposizione della Direzione Marittima della Calabria e della Basilicata Tirrenica che quotidianamente svolge attivita’ di analisi programmatica dei litorali e degli specchi acquei, espletate mediante un capillare monitoraggio delle coste e degli eventi che sulle stesse si sviluppano. Gli approfondimenti investigativi eseguiti hanno fatto emergere che il rinomato bar-ristorante era sprovvisto di titolo concessorio, esercitando, di fatto, un diritto non legittimo e sottraendo all’uso pubblico un importante tratto di arenile demaniale, circa 1.300 mq. Sono stati contestati al titolare della ditta, che gestiva la struttura, la realizzazione sul suolo demaniale di alcune opere (anche permamenti e di difficile rimozione) come bar, ristorante, parcheggi, patio e servizi igienici. Il personale militare della Guardia Costiera di Maratea ha proceduto, pertanto, come polizia giudiziaria al sequestro preventivo di tutte le strutture abusive, atto che verra’ trasmesso urgentemente alla Procura di Paola per la convalida. La vicenda – dice un comunicato della Guardia Costiera – evidenzia la criticita’ delle problematiche legate all’utilizzo dei litorali e la necessita’ che venga mantenuta alta l’attenzione su una forma di inquinamento ambientale che inevitabilmente incide negativamente sull’utilizzo e gestione dell’ambiente marino e costiero.

Foto d’archivio