Reggio, un cittadino scrive a Falcomatà: “faccia qualcosa per rilanciare l’aeroporto”

Reggio, la lettera di un cittadino al sindaco: “nessuno fa niente per l’aeroporto dello Stretto, si impegni almeno Lei”

Foto_Catania_Calcio_in_partenza_da_aeroporto_dello_strettoLettera integrale di un cittadino di Reggio, Alessio Piccolo, al sindaco di Reggio sulla questione “aeroporto dello Stretto”:

“Caro sindaco, per mesi sono stato inerme ad osservarla, l’ho applaudita andando contro i commenti di chi criticava, di chi anche in un’opera di bene trovava la negatività, oggi Le scrivo per parlarle di un problema. Sicuramente sarà a conoscenza della vicenda dell’aeroporto dello Stretto che dopo numerose batoste, oggi ha ricevuto l’ennesima mazzata da Alitalia con lo “spostamento” del volo mattutino per Linate (quello serale ormai è solo un felice ricordo). Non mi interessa di chi sia la competenza che sia del comune, della provincia o della regione. Sono stanco di una politica che regala ai cittadini aria fritta, chiacchiere, “faremo”. Sono stanco di vivere in una città che ha un aeroporto solo per bellezza, i cui voli giornalieri si contano sulle dita di una sola mano. Nessuno fa niente, si guarda e basta. Lamezia cresce, gode e si amplia e il cittadino reggino è costretto a spostarsi con mezzi lenti e male organizzati per volare da Lamezia. Ma al Tito Minniti ci sono le limitazioni, la pista, le montagne, è pericoloso e “blablabla” tutte chiacchiere di chi non vuole impegnarsi per andare avanti! Non si fa niente per risollevare le sorti del Tito, non si farà mai niente. Io confido in Lei, anche se non potrà agire direttamente faccia qualcosa, dia voce all’aeroporto dello stretto, si faccia sentire affinché qualcuno si interessi!”

Alessio Piccolo