Reggio, sequestrato il cantiere del nuovo Corso Garibaldi: 4 avvisi di garanzia, tutti i NOMI e i DETTAGLI

Nella giornata di ieri, è stata sequestrata l’area di cantiere del nuovo Corso Garibaldi di Reggio Calabria, compresa tra piazza Duomo e via Foti: 4 avvisi di garanzia

Corso Garibaldi (3)Ieri 31 luglio 2015, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria e quelli del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, di:

-  un’area di cantiere interessata ai lavori di “Ripristino vecchia pavimentazione e ristrutturazione cunicoli di servizio del Corso Garibaldi” porzione di Corso Garibaldi, per un’area complessiva di circa 3.000 mq.;

-   una superficie dell’estensione di circa 6.000 mq. adibita a deposito ed area di stoccaggio del basolato lavico che costituiva la pavimentazione del corso, area ubicata alla via Calamizzi del Comune di Reggio Calabria.

 Nell’ambito del relativo Procedimento Penale risultano indagate le seguenti persone per i reati di cui agli artt. 81 cpv, 110 c.p., 181, comma 1 bis, e 180 d.lgs. 42/2004 (codice dei beni culturali e del paesaggio):

  1. CAMMERA Marcello Francesco, architetto, Dirigente del Settore Progettazione ed Esecuzione LL.PP. del Comune di Reggio Calabria, in qualità di direttore dei lavori;
  2. NERI Daniela Filomena, architetto, responsabile del Servizio – Restauro e conservazione beni architettonici e ambientali del Comune di Reggio Calabria, in qualità di R.U.P.;
  3. SICLARI Francesco, legale rappresentante della ditta “Siclari Agostino Costruzioni Generali S.r.l.”, impegnata in A.T.I. con la ditta “Porta Antonio” all’esecuzione dei lavori;
  4. PORTA Antonino, legale rappresentante della ditta “Porta Antonio”, impegnata in A.T.I. con la ditta “Siclari Agostino Costruzioni Generali S.r.l.” all’esecuzione dei lavori,Corso Garibaldi (7)

ritenute responsabili in concorso di non aver ottemperato agli ordini impartiti mediante le prescrizioni imposte dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Reggio Calabria e Vibo Valentia, in particolare di non aver proceduto al recupero accurato delle lastre in pietra lavica mediante rimozione con strumenti idonei evitando l’uso di quelli che potessero comportarne la rottura o il danneggiamento; di non aver proceduto alla rimozione del basolato in buone condizioni, che doveva essere preventivamente individuato e che, una volta portato in deposito, doveva essere accantonato e separato rispetto a quello spaccato o lesionato, procedendo a registrarne le quantità e a suddividerlo per dimensioni. Le aree di cantiere poste in sequestro, al fine di bilanciare l’interesse alla tutela dei beni di interesse storico ed artistico con quello dell’esecuzione dei lavori pubblici, sono state date in custodia con facoltà d’uso al Responsabile Unico del Procedimento, NERI Daniela Filomena, al direttore dei lavori, CAMMERA Marcello Francesco e al funzionario sovraordinato Ing. ROMANO Marcello, nonché ai legali rappresentanti delle ditte esecutrici dei lavori, SICLARI Francesco e PORTA Antonino, che avranno l’obbligo di osservare le prescrizioni già indicate dettagliatamente dalla Soprintendenza. Il progetto inerente il ripristino della vecchia pavimentazione del Corso Garibaldi vide la luce nell’anno 2007. Proprio in quell’anno, infatti, nel corso di una conferenza di servizi, ne venne approvato il relativo progetto. In quella circostanza, era però inizialmente emerso che a seguito di alcune “non meglio precisate indagini” svolte dai progettisti di concerto con il RUP, il “materiale” della pavimentazione dei marciapiedi risultava in gran parte danneggiato e che la cava da cui era stata estratta la pietra fosse ormai estinta, ragion per cui si decideva di procedere alla sostituzione del vecchio basolato con uno di nuova fattura. Successivamente, al momento dell’avvio dei lavori cominciati a distanza di ben 7 anni (luglio 2014), con l’inizio delle operazioni di scarifica dell’asfalto, la situazione della carreggiata apparse immediatamente diversa da come a suo tempo asserito dai progettisti, perché fu chiaro fin dall’inizio della loro rimozione che le lastre – almeno in quel primo tratto – non fossero affatto “irrecuperabili”. Ne conseguì, quindi, una serie di richieste ad opera della Soprintendenza, finalizzate ad avere contezza circa le quantità di materiale originale presente, per valutarne la conservazione o comunque il riutilizzo, richieste alle quali veniva risposto – senza nessuna documentazione di supporto – che solo il 10% del materiale fosse riutilizzabile. Nonostante i numerosi interventi e le numerose prescrizioni imposte dalla S.B.A.P. nel tempo, la stessa pCorso Garibaldi (8)erò, non sarebbe mai stata messa nelle condizioni di controllare di volta in volta le modalità di svolgimento dei lavori, né di verificare le condizioni del basolato, venendole così impedito, di fatto, di avere contezza del materiale effettivamente rimosso e rimovibile, con rischio, quindi, di disperdere per sempre materiale “storico”, ben lavorato, di forte spessore e di ottima resistenza, preziosa testimonianza delle pratiche tradizionali del fare, connesse all’impiego dei materiali locali. Successivamente, attesa la reiterata inosservanza degli ordini imposti da parte del Comune di Reggio Calabria, la Soprintendenza, nel febbraio 2015, disponeva la sospensione dei lavori, considerato che le modalità di rimozione del basolato lavico esistente non risultavano idonee a garantire la conservazione e il recupero dello stesso. Successivamente, la predetta sospensione dei lavori veniva revocata attesi gli impegni assunti dagli amministratori comunali e dalla direzione dei lavori di recepire le prescrizioni dettate dalla Soprintendenza. In ultimo, nel corso di un ulteriore sopralluogo eseguito a luglio 2015, la Soprintendenza aveva avuto modo di accertare che i lavori di rimozione del basolato lavico si stavano svolgendo in difformità delle prescrizioni impartite. Nello specifico veniva accertato l’utilizzo di mezzi d’opera impiegati per la rimozione non idonei allo scopo, che difatti avevano causato la rottura di gran parte delle basole. L’odierno provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria ed eseguito dai Carabinieri ha, quindi, come scopo quello della tutela del corso Garibaldi di Reggio Calabria che, è bene ricordarlo, rientra in un’area sottoposta a vincolo paesaggistico ed è stata dichiarata di notevole interesse pubblico in forza del D.M. 23.01.1976, oltre a costituire un bene culturale ai sensi dell’art. 10, comma 4, lett. g) d.lgs. 42/2004.