Reggio: piano provinciale per la ricerca delle persone scomparse

assistenza agli anzianiCon una nota il prefetto di Reggio Calabria, Claudio Sammartino, ha comunicato di aver adottato nella giornata di ieri il piano provinciale per la ricerca di persone scomparse, finalizzato alla definizione dell’assetto organizzativo, dei ruoli operativi e delle attivita’ connesse alle fasi di ricerca di persone scomparse. Per persona scomparsa, si intende quella non piu’ rintracciabile nell’ambito dei suoi spazi di vita, per la quale si ritiene possano sussistere condizioni di pericolo per la vita o per l’incolumita’. Il fenomeno, come noto, risulta vasto e pluriarticolato e rappresenta una problematica con peculiari connotazioni di tipo sociale, giuridico, psicologico nonche’ anche medico, come nei casi di scomparsa di malati di alzheimer. La pianificazione assume in questa provincia un particolare rilievo anche in considerazione del territorio provinciale, in gran parte interessato dall’orografia del massiccio dell’Aspromonte, nonche’ dalla presenza di numerosi torrenti e fiumare, che danno vita ad una grandissima varieta’ di caratteri territoriali, ambientali e paesaggistici. Ed invero, per le caratteristiche territoriali delineate, la ricerca di persone scomparse si configura sempre come un intervento complesso che richiede l’impiego di tecniche, mezzi e operatori ad alta specializzazione e di un sistema di comando e controllo utili per far fronte ai problemi ed ai rischi specifici. La pianificazione prevede, nell’ambito dei diversi scenari di riferimento per la ricerca di persona scomparsa (scomparsa in montagna e/o zone impervie ad ampio raggio con particolari difficolta’ di accesso e di esplorazione; scomparsa in centro abitato, ivi compresi ambienti e luoghi sotterranei di natura ipogea o antropica; scomparsa in lago, fiume, acque interne o specchi acquei artificiali), l’attuazione di specifiche procedure operative con la collaborazione delle forze dell’ordine, dei vigili del fuoco, degli enti locali, delle associazioni di volontariato e degli altri enti attivi sul territorio e in raccordo con l’autorita’ giudiziaria. Il piano e’ volto a determinare una piu’ rapida ed armonica condivisione e risoluzione delle problematiche emergenti nella ricerca di persona scomparsa, nel rispetto delle specifiche competenze e responsabilita’ di ciascuna componente e ferma restando la competenza dell’autorita’ giudiziaria. La pianificazione, trasmessa all’ufficio del commissario straordinario del governo per le persone scomparse, e’ pubblicata sul sito della prefettura di Reggio Calabria.