Reggio, Nucera: “insieme ai lavoratori del porto di Gioia Tauro”

Mobilitazione di massa dei lavoratori Sul per chiedere il rilancio del Porto di Gioia Tauro e per chiedere l’apertura di un tavolo di confronto

Giovanni Nucera, consigliere regionale La sinistra; Antonio Pronestì, egretario nazionale Sul; Giuseppe Gentile, segretario regionale Sulpi;Il capogruppo de La Sinistra in Consiglio regionale Giovanni Nucera ha ritenuto “doveroso essere presente oggi, 22 agosto, alla manifestazione indetta dal Coordinamento Portuali SUL Gioia Tauro per rilanciare l’attenzione sulla situazione del Porto di Gioia Tauro. Quello che sta avvenendo a tanti lavoratori e lavoratrici non può essere accettato e fatto passare così in sordina, ma deve rimanere alta l’attenzione dell’opinione pubblica. Per questo motivo oggi siamo stati insieme ai tanti lavoratori del porto di Gioia Tauro che, nonostante i diversi proclami di sviluppo sciorinati in periodo elettorale sta vedendo progressivamente diminuire le attività che lo avevano portato ad essere il primo porto del Mediterraneo. Trecentocinquanta lavoratori vengono messi in cassa integrazione senza possibilità di riassorbimento. Si tratta di un numero abnorme su cui si abbatte la mannaia della crisi e della disperazione per tante famiglie”. Non gira intorno alla questione Giuseppe Gentile, segretario regionale della categoria pubblico impiego del Sindacato unitario dei lavoratori: “La cassa integrazione per questi lavoratori è l’anticamera del licenziamento, se la situazione continua così. Già molti i posti di lavoro persi a cui si aggiungono queste altre cifre e la grave preoccupazione per il continuo depauperamento di un tessuto sociale che non è più in grado di sopportare questa grave crisi.” A queste famiglie va la nostra solidarietà e sosteniamo l’appello lanciato oggi dal segretario nazionale SUL Antonio Pronestì: “La questione del porto di Gioia Tauro continua, purtroppo, a essere urgente e si sta perdendo ogni speranza di restituire il lavoro e quindi di dare una prospettiva per il futuro a tanti nostri concittadini e a questa importante struttura che si trova in un punto strategico del Mediterraneo, ma sottomessa da vent’anni di monopolio del terminalista MCT e dalla mono-attività cui è costretta.” Un altro segnale allarmante arriva in questi giorni: a Gioia Tauro verrà tagliato un servizio di contenitori tra l’Asia e il Nord Europa, fino ad oggi circolante tramite il porto calabrese. Un’altra, l’ennesima riduzione del lavoro e dei traffici commerciali. Chiediamo al Presidente Oliverio una maggiore attenzione politica e auspichiamo che venga fissata al più presto la data per una seduta del Consiglio regionale dedicata a un piano di rilancio e di sviluppo del Porto – oggi in ginocchio – e delle sue attività mercantili. Tutte le Istituzioni calabresi siano unite nel chiedere al Governo nazionale un investimento per il porto di Gioia Tauro che sia economico e strategico. Oltre la Zes – i cui tempi di realizzazione però non coincidono con i tempi a disposizione del porto – riteniamo preliminare la realizzazione di infrastrutture che favoriscono uno sviluppo intermodale e che permettano al porto gioiese di confrontarsi con i maggior porti europei. Tra le infrastrutture imprescindibili c’è la creazione di un collegamento ferroviario che permetta ai container non solo attività di trasbordo da una nave all’altra ma anche l’implementazione dell’attività di smistamento delle merci e del loro passaggio dalle navi ai treni”.