Reggio: sulla nave di migranti in arrivo al porto ci sono anche 4 cadaveri

Palermo, 25 ago. (askanews) - C'è anche un morto tra i migranti a bordo della nave ?Dignity 1? di Medici Senza Frontiere che sta attraccando in questi minuti al porto di Augusta, in provincia di Siracusa.Al momento non si conoscono le cause del decesso. Nei giorni scorsi tra i migranti giunti ad Augusta si sono registrati numerosi casi di scabbia, con una novantina di profughi posti in quarantena.XpaCi sono anche quattro cadaveri a bordo della nave Fiorillo della Guardia costiera che domani mattina alle 8 accompagnera’ a Reggio Calabria i 225 migranti, sopravvissuti alle rotte su cui diversi compagni di viaggio hanno perso la vita per le violenze subite o per le pessime condizioni di viaggio. Stando alle prime informazioni, si tratta di migranti di diverse nazionalita’, recuperati nel corso delle ultime 24 ore nel canale di Sicilia. Al termine delle attivita’ di identificazione, primo soccorso e assistenza, per duecento di loro continuera’ il viaggio. Stando al piano di riparto stabilito dal Ministero saranno tutti alloggiati nelle strutture di accoglienza di Veneto e Toscana. In 25 invece rimarranno a Reggio Calabria, dove gia’ da ore, in citta’, si e’ attivata la macchina dell’accoglienza sostenuta dai volontari della Protezione civile, al lavoro per predisporre cibo, vestiti e generi di conforto per i migranti in arrivo.  Sempre a Reggio verra’ aperto un fascicolo e disposti gli accertamenti tecnici e autoptici necessari per tentare di comprendere cosa sia successo ai quattro migranti che non sono sopravvissuti alla traversata. Ma non si trattera’ dell’unico sbarco previsto per la giornata di domani. A Vibo Valentia, infatti, giungera’ la nave ‘Bourbon Argos’ di Medici senza frontiere con a bordo 700 migranti di varie nazionalita’ salvati nei giorni scorsi. La Prefettura ha predisposto le attivita’ di prima accoglienza e di soccorso che saranno effettuate nel porto. Parteciperanno i medici del servizio 118, le forze dell’ordine e i volontari delle associazioni. Il questore, Filippo Bonfiglio, rendera’ operativo il dispositivo predisposto dalla Prefettura. Una volta superato lo screening medico, i migranti saranno trasferiti in centri di accoglienza cosi’ come previsto dal piano del ministero dell’Interno.