Reggio, ex presidente del Museo della ‘Ndrangheta indagato per gestione fondi

Reggio, Claudio La Camera è indagato dalla Procura di Reggio per truffa aggravata ai danni dello Stato, falsita’ ideologica e appropriazione indebita per presunte irregolarita’ nella gestione dei finanziamenti pubblici ricevuti

museo-della-ndrangheta-reggio-001L’ex presidente del Museo della ‘ndrangheta – oggi Osservatorio sulla ‘ndrangheta – Claudio La Camera, e’ indagato dalla Procura di Reggio Calabria per truffa aggravata ai danni dello Stato, falsita’ ideologica e appropriazione indebita per presunte irregolarita’ nella gestione dei finanziamenti pubblici ricevuti. Lo scrive il Fatto Quotidiano. Secondo quanto emerso dalle indagini condotte dalla Guardia di finanza – scrive il quotidiano – parte dei finanziamenti pubblici ricevuti dal Museo sarebbero stati utilizzati da La Camera per viaggi non autorizzati e spese non attinenti con l’attivita’ della struttura, tra le quali la riparazione di un’automobile, l’acquisto di un i-pad, di pinze per il bucato, di oggetti di modellismo e anche di un pollo di gomma per fare giocare un cane, oltre a cibo per animali. I finanzieri hanno anche segnalato alla Procura della Repubblica i componenti dell’ex Giunta regionale di centrodestra guidata da Giuseppe Scopelliti per concorso in abuso d’ufficio in relazione alle delibere di Giunta con cui sono stati stanziati i finanziamenti in favore del Museo della ‘ndrangheta diretto da La Camera.