Reggio, disservizi idrici a Modena e Ciccarello: lo sfogo di un cittadino

Reggio, duro sfogo di una lettrice di StrettoWeb: “ma con tutti i soldi che paghiamo per il canone dell’acqua, perché dobbiamo soffrirne la mancanza?”

Acqua

La lettera integrale di una lettrice di StrettoWeb sui disservizi idrici a Reggio nei rioni di Modena e Ciccarello:

Sono le 18:00 del 18 Agosto e già nei rioni di Modena e Ciccarello non c’è più acqua, la rivedremo con ogni probabilità domani mattina alle 5. Inizia sempre così, il flusso dell’acqua diminuisce per circa mezz’ora e poi d’improvviso non ne scende più. Non ci si può permettere nemmeno di andare al mare e tornare tardi perchè si rischia di andare a dormire sporchi di sabbia e acqua salata. Viviamo in uno stato di grande disagio, con pentole, bidoni e bottiglie tra bagno e cucina, sempre pieni per sopperire in qualche modo a questa mancanza. Per chi non è munito di autoclave è una grande sofferenza e per chi non se la può permettere è anche un’umiliazione. Non si possono invitare persone a cena, nè d’estate nè d’inverno, neanche durante le feste. Si pensi che a Capodanno, quando tutti eravamo presi dai preparativi per il cenone, alle 18, l’acqua scomparve misteriosamente e mentre il nostro amato sindaco scriveva su facebook gli auguri ai cittadini, noi gli rispondemmo mettendo in evidenza quanto stava accadendo, con la speranza che qualcosa cambiasse. Ed in effetti qualcosa cambiò, per uno o forse due mesi lasciarono l’acqua fino alle 22:00, per poi chiuderla e rimandarla alle 6:00 della mattina seguente; ma poi questo “favore” non ci è stato più concesso. Adesso io, da ignorante, chiedo: ma con tutti i soldi che paghiamo per il canone dell’acqua, perché dobbiamo soffrirne la mancanza? Perché devono privarci di questo bene così “caro” e prezioso? Perché non si trova una soluzione diversa? La gente è stanca di ascoltare solo chiacchiere, adesso vogliamo i fatti.

Lettera firmata