La Procura di Vibo Valentia ha restituito i beni all’ex parroco di Serra San Bruno

Dopo il ritrovamento dei beni nell’abitazione del sacerdote e in un centro anziani da lui gestito, il prete è stato indagato per appropriazione indebita e omessa comunicazione al ministero dei Beni culturali della movimentazione di opere d’arte di proprietà della chiesa

ProcessoLa Procura di Vibo Valentia ha restituito i beni all’ex parroco di Serra San Bruno, don Gerardo Letizia, sequestrati alcuni mesi fa. Il decreto di dissequestro, firmato dal pm Vittorio Gallucci, è stato disposto su istanza del difensore dell’ex parroco, l’avvocato Salvatore Scrivo, e riguarda sedici dei diciannove beni che erano stati sequestrati perché ritenuti dall’accusa di proprietà della parrocchia di San Biagio, retta da don Letizia dal 1993 fino al settembre del 2014. Dopo il ritrovamento dei beni nell’abitazione del sacerdote e in un centro anziani da lui gestito, il prete è stato indagato per appropriazione indebita e omessa comunicazione al ministero dei Beni culturali della movimentazione di opere d’arte di proprietà della chiesa. Secondo l’ipotesi accusatoria don Letizia si sarebbe appropriato di beni storici e artistici che invece sarebbero stati dati alla parrocchia. Don Letizia si era difeso dalle accuse spiegando che i beni trovati nella sua disponibilità gli sarebbero stati donati a titolo personale, e negli interrogatori successivi diversi dei donatori ascoltati dagli inquirenti hanno confermato la versione dell’ex parroco.