Premio Sant’Ilario 2015 a Padre Gino Viscardi e Antonio Trifoglio

Si è svolta la settimana scorsa, sul lungomare di S. Ilario dello Ionio, la seconda edizione del “Premio S. Ilario”

Premio S.Ilario (1)Si è svolta la settimana scorsa, sul lungomare di S. Ilario dello Ionio (RC), la seconda edizione del “Premio S. Ilario”, evento promosso e organizzato dall’amministrazione comunale, con il patrocinio della provincia di Reggio Calabria, per dare un riconoscimento tangibile a quanti con il loro operato si sono distinti e hanno portato in alto il nome della cittadina ionica. Per il 2015 sono stati insigniti del riconoscimento due protagonisti nella vita della comunità santilariese: si tratta di Padre Gino Viscardi, che ha operato a lungo a S. Ilario negli anni Ottanta, dando impulso a un’intensa attività di rivalutazione del territorio, e del compianto Antonio Trifoglio, artista innovativo, di valore riconosciuto a livello internazionale. A consegnare i premi, realizzati dall’artista Antonio Custureri, è stato il sindaco Pasquale Brizzi, con Ugo Mollica, autore delle puntuali motivazioni, e con gli interventi del vicesindaco Giuseppe Monteleone e della presidente del consiglio comunale Tina Policheni. Per Padre Gino, che dal 2009 è ripartito dalla Locride dove era giunto nel 1984 e che ora vive a Padova, impossibilitato a essere presente per motivi di salute, ha ritirato il premio Padre Lorenzo che lo ha poi consegnato a Silvana Stalteri che a breve potrà recapitalo al sacerdote. Antonio Trifoglio, formatosi artisticamente in Calabria, viveva a Empoli dal 1958 e ha firmato opere presenti nelle chiese e in collezioni private di tutta Italia, è mancato nel 2011; hanno ritirato il premio la moglie Caterina e il figlio Alberto, a sua volta apprezzato artista.

La serata si è aperta con l’esibizione di due coppie di bravissimi ballerini, Premio S.Ilario (3)per tre quarti di S. Ilario: Gabriele Capogreco e Valentina Spagnolo, della scuola di ballo “Danzando Arte in Movimento” di Gioiosa Ionica; Alessandro Saccomando e Annarosa Trimboli, della “Entertainment and Events A.B.C.” di Bovalino.  A loro una targa ricordo consegnata da Sara Tedesco. Gran finale poi con il ritmo e la poesia dello spettacolo live di Paolo Sofia con Massimo Cusato e Salvatore Gullace. Una performance coinvolgente, particolarmente apprezzata dal numeroso pubblico presente: il musicista, frontman dei Quartaumentata, ha proposto brani inediti del suo progetto autorale e hit ormai nella storia della world music. Alla riuscita della manifestazione ha collaborato l’intera amministrazione comunale con l’assessore Enzo D’Agostino e lo staff dei consiglieri delegati alla cultura, sport e spettacolo, guidato da Tonino Carneri, e composto da Claudia Cinelli, Sara Tedesco e Alessandra D’Agostino. Sempre prezioso il contributo logistico di Rosita Fera. L’Associazione italiana sommelier-delegazione Locride, con Emanuela Alvaro, infine, ha curato la degustazione di vini dell’azienda “Casale Li Monaci” di Anthony Reale.