Messina, sfregiata la macchina di Ialacqua. Accorinti: il Comune sarà parte civile

La vettura dell’assessore è stata presa di mira da qualche facinoroso. Per il sindaco si tratta di una grave intimidazione e la Giunta farà quadrato attorno al suo esponente

foto tratta dai social-network

foto tratta dai social-network

Un’incisione sulla macchina che suona come un’offesa dal vago sapore intimidatorio: ad esser presa di mira, nella giornata di ieri, è stata la Fiat Panda dell’assessore Daniele Ialacqua. L’amministratore cittadino ha infatti visto una scritta dal significato inequivocabile, “cesso“, comparire sulla fiancata della propria vettura. Immediata è scattata la denuncia alla Digos e la contestuale espressione di solidarietà da parte del Sindaco, che ha annunciato la volontà della Giunta di costituirsi parte civile contro “il vile gesto“.