Messina, emergenza rifiuti: anche il porta a porta è a rischio

Il monito viene dal Consiglio Comunale: Antonella Russo ha fatto le pulci alla documentazione offerta da Palazzo Zanca e ha notato come il finanziamento regionale rischi di andare in fumo

antonella russoIl fiore all’occhiello di Alessio Ciacci, la raccolta differenziata porta a porta, rischia di sciogliersi come neve al sole, di finire in tempi rapidi nell’oblio dei buoni propositi. Ne è convinta Antonella Russo, consigliera comunale del Gruppo Misto, che ha tirato le somme di un progetto che rischia di andare in fumo. Sì, perché ad un anno di distanza dalla presentazione in pompa magna del piano, il Comune potrebbe perdere i fondi regionali destinati all’investimento. Battendo il dito sulle lancette dell’orologio, Russo rivela come Palazzo Zanca sia ancora in tempo per fornire la documentazione richiesta da Palermo, una documentazione su cui si sarebbe dovuto lavorare da Gennaio e che invece appare dimenticata dalla Giunta. Da qui l’invito all’Amministrazione ad attivarsi tempestivamente per segnare davvero un punto di discontinuità rispetto al passato su un tema tanto delicato qual è quello della gestione dei rifiuti, per evitare una sconfitta politica e non bruciare un’occasione di sviluppo per Messina.