Mafia, 35 anni fa ucciso il procuratore capo di Palermo Gaetano Costa

gaetano costaTrentacinque anni fa, il 6 agosto 1980, il procuratore capo di Palermo, Gaetano Costa, fu ucciso a colpi di pistola a Palermo, mentre intorno alle 19.30 si trovava da solo e senza scorta davanti a una bancarella di libri nella centralissima via Cavour, vicino alla sua abitazione. Fu raggiunto alle spalle da tre colpi di pistola e l’omicidio, di chiaro stampo mafioso, tutt’ora non ha un colpevole. Domani il magistrato sara’ ricordato con una messa nella chiesa di San Giovanni dei Napoletani, in piazza Marina; alle 11 una corona di fiori sara’ deposta davanti alla lapide di via Cavour che ricorda il suo sacrificio, alla presenza dei familiari e di autorita’ civili e militari. L’8 maggio dell’80 Costa aveva firmato di proprio pugno la convalida degli arresti di 55 mafiosi, in testa Rosario Spatola, fermati quattro giorni prima, subito dopo l’uccisione del capitano dei carabinieri Emanuele Basile. Quel gesto coraggioso, accompagnato da un nuovo impulso nelle indagini di mafia che metteva in naso sui rapporti bancari dei boss, porto’ Cosa nostra a uccidere il magistrato. Costa aveva messo gli occhi anche sugli appalti al Comune di Palermo, a partire da quello su sei scuole in mano a ditte facenti capo a Rosario Spatola, di cui si era occupato anche il presidente della Regione Piersanti Mattarella che mando’ un ispettore regionale in municipio per fare chiarezza su quella vicenda. Mattarella fu ucciso 7 mesi prima di Costa, il 6 gennaio 1980.