Loria dalla Reggina alla Juventus: l’ennesimo talento del Sant’Agata vola in serie A, “è un predestinato”

Il giovanissimo portiere calcisticamente nato nel vivaio della Reggina vola verso una big della serie A: da ieri è della Juventus, l’ha preferita all’Atalanta

Leonardo Loria JuventusDopo la mancata iscrizione della Reggina al campionato di Lega Pro, tanti giovani talenti del Centro Sportivo Sant’Agata hanno spiccato il volo verso alcune big del calcio italiano: dopo Ador Gjuci al Torino, arriva in serie A anche Leonardo Loria, uno dei giovani portieri più promettenti del calcio italiano: ieri ha firmato per la Juventus. Loria ha 16 anni (è nato il 20 marzo 1999 a Custonaci in provincia di Trapani), è alto 192cm e proprio la sua struttura fisica ha fatto impressionare gli osservatori di molti club. Adesso Gjuci e Loria, ex compagni di squadra in amaranto, si ritrovano nella stessa città all’ombra della Mole ma con due maglie diverse, entrambe gloriose a livello internazionale.

Leonardo Loria02Reggina sempre nel cuore, ma adesso c’è un nuovo inizio” ha scritto ieri Loria nella sua bacheca di facebook pubblicando le prime foto a Vinovo. In bianconero farà parte degli Allievi Nazionali, la stessa categoria in cui ha difeso la porta della Reggina nell’ultima stagione fino alla finalissima scudetto persa a Montepulciano con il Novara proprio insieme a Gjuci e altri ragazzi allenati da mister Domenico Zito. L’allenatore spende parole di grande stima nei suoi confronti: “è una Ferrari, un predestinato. E’ arrivato a Reggio tre anni fa, ci ha impressionato subito per la sua struttura fisica, impressionante. Madre Natura l’ha dotato di qualcosa di eccezionale. In questi anni alla Reggina ha lavorato per superare i limiti dati proprio dal suo fisico, in termini di agilità, ed è stato bravissimo. Ha scelto la Juventus ma aveva l’attenzione di molti altri club, l’Atalanta che ha un settore giovanile tra i più importanti d’Italia gli ha fatto una corte spietata. E’ molto bravo anche a scuola, con grandi capacità cognitive e di apprendimento. Alla Reggina eravamo molto attenti a quest’aspetto educativo e formativo, lui è sempre stato bravissimo. Gli auguro il meglio in bianconero, in bocca al lupo“.

reggina sant'agata 001Loria è siciliano di Trapani: è arrivato alla Reggina nel 2012, aveva appena compiuto 13 anni. I primi “calci” tra i pali del Città di Trapani, una società affiliata alla Reggina che mensilmente arrivava al Sant’Agata per test e provini. Per Loria non c’è stato bisogno neanche di particolari valutazioni: impressionò tutti subito ed è diventato uno di “quelli della foresteria“. Ha vissuto per tre anni al Sant’Agata, sarà difficile dimenticare dell’esperienza più importante della sua formazione in riva allo Stretto. In questi anni alla Reggina ha avuto anche diverse convocazioni nella Nazionale Italiana di categoria.

reggina sant'agataE’ l’ennesima testimonianza, se ce ne fosse ancora bisogno, di cos’è stato il Centro Sportivo Sant’Agata per il calcio italiano negli ultimi decenni. Nei prossimi anni in serie A vedremo protagonisti, probabilmente da big, tanti calciatori che adesso sono ancora ragazzini ma che calcisticamente sono nati proprio a Reggio Calabria, facendo il tifo per loro come se fossero ancora amaranto perché è amaranto un pezzo della loro storia che si porteranno sempre addosso. E con un velo di rammarico per quello che è successo negli ultimi anni, per quello che ancora poteva esprimere la Reggina e per quello che rappresentava il Centro Sportivo mentre la città gli voltava le spalle. Sperando che con la nuova società possa rinascere immediatamente qualcosa di simile per gettare le basi che consentano al nuovo club amaranto di tornare presto nel calcio che conta.