In Calabria una delle due tappe italiane del Japan Dolphins Day

Una Calabria che vuole salvarsi, e pensa anche ai delfini in Giappone
MANIFESTO JDD 2015 SOVERATO (3) NUOVO

Giorno 1 settembre alle ore 21:00 il teatro comunale di Soverato (CZ) ospiterà una delle due tappe italiane del Japan Dolphins Day. L’iniziativa internazionale contro l’annuale massacro dei delfini in Giappone è promossa e organizzata in Calabria dall’Associazione ambientale CE.S.R.A.M. (Centro Studi e Ricerca Ambiente Marino) e dall’Amministrazione Comunale di Soverato.

San Francisco, Los Angeles, New York, Londra, Parigi, Soverato: queste alcune delle città che organizzano simultaneamente l’evento dal richiamo mondiale. Tutti uniti per salvare una delle specie più affascinanti che attraversa ogni anno molte coste italiane.

L’elevata caratura dell’evento vorrebbe più complesse e più seri approfondimenti, avrà infatti l’appoggio e il patrocinino del Ministero dell’Ambiente e della Presidenza del Consiglio, che sarà presente con un dirigente di Palazzo Chigi. Il Cesram ha deciso di sensibilizzare l’opinione pubblica attraverso una rappresentazione teatrale, diretta dall’attore e regista Sandro de Luca. Verrà messo in scena lo spettacolo “E il vento si poserà”, tratto da “Mi proverò a cantar” di Ettore Petrolini.

“La JDD non è un’azione anti-Giappone”- dichiara la biologa Maria Assunta Menniti, presidente del Cesram – “anzi, l’intento è anche quello di supportare i diritti della popolazione giapponese e di riflesso quella mondiale, che ogni anno viene contaminata dalla carne di delfino venduta nei mercati. La carne di questo mammifero è altamente tossica, in quanto contiene percentuali elevate di mercurio e policlorobifenili.” Continua la biologa: ”La Calabria dice no, così come dice no a tutte le forme di illegalità. Il traffico dei delfini alimenta un commercio di grandi profitti illegali, e in una congettura storica in cui vale il detto NIMBY (not in my back yard), noi siamo qui invece a dire, non nel mio ma neanche in quello dell’altro.” Esempio di grande forza di volontà quello della Biologa Menniti che, a discapito di tante difficoltà e pregiudizi, è riuscita a coinvolgere l’intera regione in un’iniziativa dal respiro internazionale. La Calabria e Soverato ancora una volta si dimostrano in corsa contro l’illegalità e a favore di un futuro migliore per la regione e per la salute di tutti i cittadini.