A Gambarie il VII raduno Pre-Apertura Giovani Cacciatori

Gambarie, numerosi i partecipanti alle varie iniziative organizzate da ragazzi instancabili che condividono la grande passione per la caccia e l’idea platonica dell’unità, almeno di intenti, di tutto il mondo venatorio

Cacciatori (2)Organizzato dall’Associazione Giovani Cacciatori il raduno Pre-Apertura tra i più partecipati di sempre quello che si è svolto domenica 16 agosto a Gambarie d’Aspromonte. Numerosi i partecipanti alle varie iniziative organizzate da ragazzi instancabili che condividono la grande passione per la caccia e l’idea platonica dell’unità, almeno di intenti, di tutto il mondo venatorio. L’esposizione canina amatoriale, aperta a tutte le razze, con premi speciali per i cani da Caccia, è stata davvero partecipata e variegata grazie alla collaborazione con la SIS – Società Italiana Setter che ha voluto istituire il trofeo BELLO E BRAVO, vinto dall’amico Nino Martino, secondo classificato dopo il dott. Santo Laro nella speciale cani da caccia vinta con il suo bracco italiano. Partecipatissima anche la Mostra Ornitologica Divulgativa Dimostrativa organizzata dall’associazione Fatamorgana FOI – Federazione Ornitologica Italiana che ha stupito piccoli e grandi con i colori e le bellezze degli uccelli esposti e regolarmente detenuti. Attraente anche l’esposizione organizzata dalla Sirio Arco Club, associata FITARCO – Federazione Italiana Tiro con l’Arco, abbinata ad una rievocazione medievale dell’arco storico accompagnata dalla presenza di uno splendido esemplare di Falco di Harris. Chiamato alla partecipazione anche l’Ambito Territoriale di Caccia RC1 che, con uno stand informativo a disposizione dei Cacciatori, ha evaso ogni richiesta inerente le attività svolte dall’ente. Inoltre, il comitato di gestione ha voluto partecipare all’evento con dei cappellini voluti e realizzati ad hoc per la manifestazione.

L’info point dell’ATC RC1 è stato affiancato, non a caso, a quello dell’assCacciatori (2)ociazione Giovani Cacciatori, allestito in maniera povera con degli stampi di cornacchia grigia per sottolineare l’importanza e l’attenzione che si dovrebbe avere nei confronti di determinate specie al fine di realizzare sempre più corrette azioni di gestione. Il classico torneo di tiro al Bersaglio con carabina ad aria compressa, evoluzione della prima idea del “tiro al tappo”, partecipato anche dai più piccini, ha visto la vittoria di Talè Antonino, che si è portato a casa una splendida carabina messa in palio dall’amico Nino Martino, mentre il secondo posto è stato conquistato dalla lady Giada Palermo che, per un bersaglio, è balzata davanti a Giuseppe Nicolò arrivato terzo. La manifestazione è stata resa possibile grazie all’impegno profuso dall’amministrazione comunale di Santo Stefano d’Aspromonte, in particolar modo da Luigi Belmonte (consigliere comunale con delega al turismo), e dall’associazione culturale Aspromonte. L’associazione Giovani Cacciatori ringrazia pubblicamente i partecipanti e gli amici Cacciatori, Carmelo Ramiro (sempre in prima linea per l’EXPO cinofila), tutta la SIS nella persona di Natale Tortora, l’ATC RC1 nella persona del presidente Tino Laganà, l’associazione Fatamorgana FOI nella persona del presidente Bruno Tripodi e del segretario Antonio Imbalzano, l’associazione Sirio Arco Club, l’associazione Armieri della Calabria e tutti gli sponsor dando appuntamento alla Cena di fine Stagione Venatoria.