Decreto Enti Locali, ok alla fiducia da Montecitorio. Ecco tutte le novità

MontecitorioCon 364 voti favorevoli e 185 contrari, l’aula di Montecitorio ha dato il via libera alla fiducia al Dl enti locali. Ora la Camera dovra’ procedere alla votazione degli ordini del giorno e al voto finale sul provvedimento, che sara’ quindi definitivamente legge. Un provvedimento composito, che affronta molti temi, in alcuni casi distanti tra loro, ma che ha nelle norme sulla spesa delle Regioni per la sanita’ la sua parte piu’ importante.

RAZIONALIZZAZIONE SANITA’, TAGLIO DI 2,3 MLD – Proprio su quest’ultimo punto, si e’ concentrata la polemica politica tra maggioranza di governo e opposizione, per i tagli previsti al comparto, pari a 2,3 mld di euro. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha piu’ volte ribadito che si tratta di una razionalizzazione concordata con le stesse regioni. Sempre per quanto riguarda la sanita’, il Dl prevede la rinegoziazione dei contratti per le forniture sanitarie, con l’obiettivo di ridurre la spesa. Se non si raggiunge un accordo con i fornitori si potra’ recedere dal contratto. Anche sul fronte dei dispositivi medici, il decreto prevede l’istituzione, da parte del Ministero della Salute, di un Osservatorio nazionale sui prezzi dei dispositivi medici. L’eventuale sforamento del tetto di spesa sanitaria regionale sara’ a carico delle aziende fornitrici di dispositivi medici per una quota complessiva pari al 40% nel 2015, al 45% nel 2016 e al 50% decorrere dal 2017. Sui farmaci, entro il 30 settembre 2015, l’Aifa concludera’ la rinegoziazione con le aziende farmaceutiche per la riduzione del prezzo di rimborso dei medicinali a carico del Servizio sanitario nazionale.

RIDUZIONE PRESTAZIONI INAPPROPRIATE – Il decreto prevede che siano individuate “le indicazioni di appropriatezza prescrittiva delle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale”. Se il medico convenzionato effettua prescrizioni inappropriate, rischia una riduzione del trattamento economico accessorio. Il medico potra’ evitare le sanzioni sul salario accessorio in caso di prescrizioni inappropriate motivando le proprie decisioni.

GIUBILEO STRAORDINARIO – Ci sara’ una sorta di “ticket” sanitario sull’assistenza sanitaria ai pellegrini che si recheranno a Roma per il Giubileo straordinario. Questa sara’ pari a 50 euro e garantira’ l’assistenza sanitaria pubblica senza altri costi. Per le questioni di ordine pubblico e’ autorizzata l’assunzione di 1.050 poliziotti, 1.050 carabinieri e 400 finanzieri e 250 vigili del fuoco.

AUTODROMO DI MONZA ‘TAX-FREE” – Viene prevista la defiscalizzazione dell’autodromo di Monza, che consentira’ alla regione Lombardia di risparmiare e reinvestire 20 milioni di euro, necessari a salvare il Gran Premio d’Italia di Formula 1.

AGENZIE FISCALI – Le Agenzie Fiscali sono autorizzate ad annullare le procedure concorsuali per la copertura di posti dirigenziali bandite e non ancora concluse e a indire concorsi pubblici entro il 31 dicembre 2016. E’ autorizzata l’assunzione dei vincitori. In attesa della conclusione del concorso si prevede l’attribuzione da parte degli attuali dirigenti di deleghe ‘a tempo’ ai funzionari (non oltre fine 2016 appunto).

COMPETENZE DELLE PROVINCE – Le Regioni che non assorbiranno le competenze delle province dovranno pagare i costi per far continuare a funzionare le amministrazioni provinciali per quelle che vengono definite ”funzioni non fondamentali”.

DOCENTI SCUOLE INFANZIA – Il Dl prevede lo stop al blocco delle assunzioni e prevede la possibilita’ per i Comuni di assumere nuovi insegnanti anche oltre i limiti di spesa imposti dal Patto di Stabilita’.