Ecco come ottenere il “Bonus INPS” per le donne disoccupate, i DETTAGLI

Il bonus può essere richiesto dalle donne che risiedono in regioni ammissibili ai finanziamenti nell’ambito dei fondi strutturali dell’Unione europea. Dal primo luglio 2015 è possibile richiedere l’erogazione dei contributi per le assunzioni

soldiL’Inps riapre al bonus. È di nuovo possibile richiedere l’incentivo all’Inps per donne disoccupate di qualsiasi età che non hanno un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi. Il bonus può essere richiesto dalle donne che risiedono in regioni ammissibili ai finanziamenti nell’ambito dei fondi strutturali dell’Unione europea. Dal primo luglio 2015 è possibile richiedere l’erogazione dei contributi per le assunzioni, per le proroghe e le trasformazioni dei rapporti di lavoro esistenti. Il Decreto Ministeriale del 27.03.1008 spiega nel dettaglio che le aziende che assumono donne disoccupate residenti nelle aree indicate come “svantaggiate” possono avere una riduzione del 50% dei contributi a loro carico. Questo “sconto” sarà valido per un periodo pari a 12 mesi se si assume una donna con contratto a tempo determinato e può arrivare fino a 18 mesi per le assunzioni a tempo indeterminato o per la trasformazione da contratto a tempo determinato a indeterminato. Le regioni che hanno ricevuto l’ok per il bonus sono le seguenti: Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata in tutta la superficie regionale, mentre per le regioni di Emilia Romagna, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Sardegna, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto, Abruzzo, Molise, Lazio, Liguria, Lombardia si tratta solo di alcune aree e comuni.

Come richiedere il Bonus

Basta recarsi negli uffici Inps nelle regioni in cui è attivata la procedura oppure consultare il sito dell’Istituto Nazionale per la previdenza sociale.