Cassano allo Ionio, il vescovo incontra i sindaci: “al centro il bene comune”

vescoviIl vescovo di Cassano allo Ionio, mons. Francesco Savino, ha incontrato i sindaci dei comuni della diocesi. Nel corso dell’incontro si e’ discusso del “No trivellazioni” e “Immigrazione – Emigrazione”. “Nel rispetto delle reciproche prerogative e responsabilita’ – ha detto mons. Savino – senza alcun desiderio di intromissione ritengo che bisogna mettere al centro il bene comune e la qualita’ di vita dei cittadini”. All’inizio, don Francesco, confessa di avere “osato”, nel convocare i sindaci. Alla fine e’ stato il sindaco di Cassano, Gianni Papasso, ad ammettere, approvato da tutti i presenti, di aver fatto bene ad osare. E’ piaciuto, infatti, l’approccio del Vescovo e l’intenzione alla base dell’inedito incontro. Sono intervenuti in tanti e tutti hanno concordato sulle linee generali tracciate, ma anche sulla necessita’ di opporsi con forza alle trivellazioni nel Mare Jonio, di lavorare affinche’ i migranti siano accolti ed integrati, nel pieno rispetto della legalita’ e, nel contempo, si faccia di tutto per fermare l’emorragia di giovani che emigrano alla ricerca di lavoro. Ma i temi scottanti sono tanti, e si affacciano con prepotenza: il rischio che con i migranti prevalga il desiderio di speculare; la sanita’ che, nel nord Calabria, soffre terribilmente; la mancanza di un osservatorio epidemiologico e di un registro dei tumori, che consentano di adottare azioni utili a prevenire alcune neoplasie generate, probabilmente, proprio da una scarsa qualita’ ambientale, messa a dura prova, negli anni passati, dall’interramento delle feriti di zinco; la viabilita’ (strada statale 106 ma anche le piccole strade che collegano con i piccoli borghi); la pressione fiscale e i tagli finanziari che rendono sempre piu’ difficile il compito, dei Comuni, di soddisfare i bisogni dei cittadini e di attuare un welfare diffuso. Nella breve replica ai tanti interventi dei primi cittadini, che hanno condiviso, confermato e anche informato il presule sugli annosi problemi e sulla “solitudine” che la politica locale soffre, interventi scaturiti anche in proposte che saranno meglio sintetizzate nei prossimi incontri, mons. Savino e’ ritornato sul magistero di Papa Francesco riferendosi alla centralita’ del Popolo, testimoniato dall’attenzione continua che il Pontefice sta rivolgendo alle Americhe, . , e attivare . Con l’impegno di rivedersi, ai primi di settembre, per continuare insieme un cammino appena accennato, con un invito: “La notte e’ bella? ma osiamo l’auora!”.