Camigliatello (Cs), il viceministro Zanetti: “siamo con Renzi ma imu e tasi non le avremmo toccate”

Camigliatello, il Viceministro ha assicurato per l’immediato futuro il sostegno di Scelta Civica al premier Renzi

AssudLo dico chiaramente perché non amo i giri di parole. L’eliminazione di IMU e TASI annunciata dal Premier Renzi per il 2016 è provvedimento che non avremmo adottato ora, preferendo piuttosto proseguire intanto nella politica di riduzione progressiva del costo del lavoro e della tassazione sul reddito” . Così in Viceministro all’Economia Enrico Zanetti (Scelta Civica) aprendo i lavori tematici del premio Stelle del Sud 2015, meeting del Mezzogiorno organizzato da ASSUD e che si tiene ogni anno a Camigliatello Silano in provincia di Cosenza. Intervistato dalla giornalista di Porta a Porta Giancarla Rondinelli il Viceministro ha però assicurato per l’immediato futuro il sostegno di Scelta Civica al premier Renzi, senza però mancare di sottolineare che la scelta di intervenire sul deficit per l’eliminazione di IMU e TASI è scelta politica complicata che non deve intaccare i saldi complessivi. “Avremmo preferito- continua Zanetti – insistere per il momento su IRAP e IRPEF abbattendo l’aliquota media ma in ogni caso ci sentiamo vicini a Renzi”. Zanetti ha poi rassicurato che non si interverrà minimamente sull’IVA e che il Governo continuerà a lavorare sull’equilibrio complessivo del cuneo fiscale. Sollecitato a proposito della rivincita del Mezzogiorno, “colonna sonora” della manifestazione , il Viceministro ha tra l’altro detto che “far ripartire il Sud è un’ esigenza contabile, i conti del Paese non tornano diversamente. Il punto è – continua – scegliere che tipo di sostegno inquadrare per il Mezzogiorno. Noi, lo dico chiaramente, non siamo per gli incentivi che non siano legati alla produttività e alla progressione del lavoro. Quindi sgravi e infrastrutture, questa è per me la ricetta per il Sud”. Sull’immigrazione Zanetti ha chiaramente etichettato come populista strumentale il leader della Lega Salvini “riconoscendogli però elementi oggettivi che porta all’attenzione. Li usa come quoziente elettorale ma i problemi esistono davvero e sbaglia chi dalla maggioranza fa a gara per opporsi con slogan contrari tipo quello che l’Italia può accogliere tutti. Non è così, non possiamo accogliere tutti”. Sul piano squisitamente politico Zanetti offre poi una chicca. “Monti ha sbagliato tutto. Se avesse accettato di essere lui il leader del Centrodestra nazionale con Berlusconi defilato la storia politica del Paese sarebbe andata diversamente. Oggi Scelta Civica è in mezzo al guado ma non rinuncio all’idea di un’area politica moderata che sia indipendente. Lo dico chiaramente, sono interessato ad un rilancio di Scelta Civica piuttosto che ad un’ annessione al PD, partito che ha già troppi problemi di suo”. In precedenze ad aprire il premio il Presidente di ASSUD Andrea Guccione che ha sottolineato quanta passione e lungimiranza occorrano per organizzare una vetrina per le eccellenze del Sud quale è il premio Stelle del Sud . “ Abbiamo la possibilità di farcela, tutti. Questa è la sfida che lancia ogni anno Assud” – ha detto tra l’altro Andrea Guccione. Che reitera la proposta già lanciata al Premier Renzi: un evento EXPO da tenersi nel Mezzogiorno