Benzina e diesel, nuova girandola di ribassi: la verde tocca 1,58 euro al litro

Sul territorio italiano prosegue la flessione dei prezzi di benzina e diesel praticati in scia ai movimenti delle compagnie

sciopero-benzinai-confermato-per-l3911-12-e-13-dicembre Nuova girandola di ribassi per i prezzi raccomandati sulla rete carburanti italiana. Con i mercati internazionali dei prodotti petroliferi tornati a stabilizzarsi dopo la picchiata di 24 ore prima, infatti, a intervenire in discesa sui listini di benzina e diesel sono oggi IP (-0,7 cent/litro), TotalErg (-1 cent), Q8-Shell (-1 cent), Tamoil (-1 cent) ed Esso (-1 cent sulla verde e -0,5 cent sul gasolio), con quest’ultima compagnia che già ieri aveva limato il diesel contestualmente al taglio su entrambi i prodotti di Eni. Sul territorio, di conseguenza, prosegue la flessione dei prezzi praticati in scia ai movimenti delle compagnie. In particolare, in base all’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri – comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise – il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della verde va, a seconda dei diversi marchi, da 1,581 a 1,619 euro/litro (no-logo 1,574). Per il diesel si rilevano prezzi medi self che passano da 1,391 a 1,425 euro/litro (no-logo a 1,385). Quanto al servito, per la benzina i prezzi medi nazionali praticati sugli impianti colorati vanno da 1,653 a 1,757 euro/litro (no-logo a 1,599), il diesel da 1,471 a 1,573 euro/litro (no-logo a 1,412) e il Gpl da 0,583 a 0,619 euro/litro (no-logo a 0,573).