Alluvione in Calabria: sopralluogo del ministro Galletti

Alluvione in Calabria, criticità a Ceradonna, Momena e Acqua del Fico, ma situazione sotto controllo

alluvione calabria (3)All’Unità di crisi della Protezione civile, insediata nella sede del Centro Com di Rossano dalla Prefettura di Cosenza, è atteso l’incontro operativo con il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del Capo della Protezione civile Fabrizio Curcio, che accompagnato dai Sindaci di Rossano e Corigliano Giuseppe Antoniotti e Giuseppe Geraci, dal Prefetto Gianfranco Tomao, dal Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio e dai vertici territoriali di Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza, stanno perlustrando le aree colpite dal violento nubifragio della notte tra martedì 11 e mercoledì 12 Agosto scorsi. Rimangono ancora delle criticità nelle contrade Ceradonna, Acqua del Fico e Momena (via Lussemburgo e Via Città del Messico), dove rimangono isolate alcune famiglie, anche se a loro è garantita piena assistenza. Su questi luoghi stanno già operando dei mezzi atti allo sgombero delle strade. Altri interventi di prosciugamento, con il supporto di pompe idrovore, si stanno completando a Sant’Angelo in Via Baltia, Via Caboto e Via Capri. Mentre verifiche capillari si stanno effettuando su tutto il territorio. Stamani un aereo e due elicotteri hanno sorvolato la Città per scandagliare e mappare le zone colpite dalla calamità. Ancora a Sant’Angelo, proseguono gli interventi per procedere alla rimozione delle auto travolte dall’acqua e dal fango, alla pulizia delle strade e di tutti i varchi di accesso alle abitazioni, così da mettere in sicurezza i luoghi. Stanno operando uomini e mezzi della Protezione civile, supportate dall’esercito, dalle forze dell’ordine e dai vigili del fuoco. Diverse, inoltre, le associazioni di volontariato, le imprese private e i cittadini che, spontaneamente, si sono date appuntamento, stamani, davanti alla sede Com per essere coordinati dalla ProCiv negli interventi. Garantita massima assistenza ai circa 500 sfollati che nella notte scorsa hanno trovato riparo presso il centro di accoglienza allestito nel Palazzetto dello Sport di via Candiano. Il comune, con il supporto della Caritas e di alcune aziende private, ha garantito i pasti ed i beni di prima necessità (acqua, pane, latte) che in alcuni casi sono stati consegnati nelle zone di crisi. L’Esecutivo Antoniotti, ialluvione_friulinoltre, ha stabilito, di comune accordo con la Diocesi di Rossano, di annullare i festeggiamenti patronali dedicati alla Madonna Achiropita, limitatamente alla giornata del 14 Agosto. Le cerimonie religiose e civili si terranno nella sola giornata di Sabato 15 Agosto 2015. Si sta valutando di celebrare una processione di ringraziamento per il 31 agosto proprio nella contrada Sant’Angelo con il simulacro argenteo della Vergine Achiropita, per evocare la protezione celeste che ancora una volta la Madonna ha esteso sulla Città di Rossano e sul territorio in una calamità violenta senza che si verificassero vittime né tragedie familiari. Nel frattempo si registrano diverse iniziative solidali collaterali a quelli attuate dal Comune, che ha attivato un conto corrente postale ed uno bancario per la raccolta fondi da destinare al supporto delle attività emergenziali. Questo l’IBAN IT71N0538780921000000993343 della Banca Popolare del’Emilia Romagna, questo il Conto Corrente Postale N.12606893 intestati al Comune di Rossano. Inoltre, da evidenziare l’iniziativa del settimanale G che, a sua volta, ha attivato la campagna “Una mano per Rossano” per la raccolta fondi da destinare alle esigenze della Caritas per l’operatività nell’emergenza alluvione, IBAN: IT70L0538780921000002351702 della Banca Popolare del’Emilia Romagna. Ogni cittadino potrà versare liberamente un offerta per le esigenze di chi ha bisogno.