Sicilia: a Lipari l’isola nell’arte contemporanea

lipari“Eolie 1950/2015. Mare motus. L’isola nell’arte contemporanea dalla Sicilia al Cile” è il titolo della grande mostra che, inaugurata ieri, si tiene fino al 30 settembre negli spazi suggestivi della ex chiesa di Santa Caterina, nel Castello di Lipari. L’evento è parte integrante del più ampio progetto culturale di durata biennale “Mare Eolie” che vede interessata l’area della cittadella fortificata. Un gruppo di circa quaranta artisti affronta il tema dell’isola spaziando tra pittura, scultura, video, fotografia, ceramica. Esposti i lavori dei fotografi Martin Parr, Elger Esser, Nan Goldin, Gioberto Noro, Carlo Gavazzeni Ricordi, Raffaela Mariniello, Alice Pavesi Fiori e Veronica Nalbone, tra le video installazioni l’opera di Elena Bellantoni. E poi Valerio Berruti, Rosario Bruno, Franco Accursio Gulino, Laura Panno, Mauro Di Silvestre, Alessandra Giovannoni, Silvia Camporesi, Cristiano Pintaldi, Bruno Ceccobelli, Andrea Di Marco, Fathi Hassan, Alberto Biasi, Giuseppe Gallo, Velasco Vitali, Paolo Picozza, Mimmo Paladino e rappresentanti del Sud America come Samy Benmayor, autori di installazioni di grande impatto come Gregorio Botta, Elisabetta Novello e Riccardo Monachesi. Non mancano i lavori dei grandi maestri del Novecento siciliano come Carla Accardi, Fausto Pirandello, Renato Guttuso, Antonio Sanfilippo, Piero Guccione, Emilio Isgrò, Pietro Consagra, Salvo insieme ad una testimonianza di Alberto Burri che collega la mostra all’esperienza di Gibellina.