Saldi estivi 2015: “inizio flop un pò ovunque”

I saldi rappresentano un’opportunità, ma da tempo ormai le vendite sono in netto calo

saldiCatanzaro-Crotone  e la Calabria hanno iniziato questi primi giorni di saldi estivi, come c’era forse da aspettarsi, in modo abbastanza fiacco e i consumatori per il momento non hanno subito ancora il fascino dei saldi, lasciando quasi deserti i negozi come se nulla fosse, eccetto qualche sporadica  eccezione. Confartigianato Catanzaro e Crotone, in una velocissima  indagine effettuata in questi primissimi giorni che dovevano essere i migliori proprio perché inizialmente c’è sempre più curiosità e assortimento specialmente  nel settore dell’abbigliamento, degli articoli da regalo, del tessile, della pelletteria e dei prodotti del nostro artigianato locale, registrano  invece  una situazione che sia per le famiglie che per le imprese diventa sempre più difficile ed insostenibile, un vero specchio di una situazione devastante di un economia piegata da una riduzione dei consumi molto inquietante. Tra gli stessi operatori,  che avevano puntato su questi momenti particolari per incrementare i loro volumi di affari, si registra un clima di grande sfiducia sintomo di una recessione monetaria che sembra senza fine. Lo affermano in una nota Salvatore Lucà e Raffaele Mostaccioli, Confartigianato Crotone  e Catanzaro.

Il piccolissimo aumento di presenze nei negozi è la dimostrazione di una crisi molto sottovalutata e la tendenza al risparmio in un quadro generale economico di grande difficoltà che sembra voler perdurare prepotentemente. Confartigianato  comunque spera, proprio per cercare di uscire da questo tunnel,  cosi come d’altra parte anche  tante associazioni di consumatori che gli stessi  saldi vengano una volta per tutti  liberalizzati perchè possano veramente rappresentare un mezzo concreto e positivo di supporto sia per gli imprenditori che per le famiglie. Nei prossimi giorni seguiremo gli andamenti delle vendite ma sicuramente in questo quadro generale non cì attendiamo nulla di eccezionale se il sistema bancario continua ad erogare il credito  col contagocce e la semplificazione  degli iter burocratici tardano ad arrivare. Abbiamo la necessità urgente di dare segnali concreti di aiuto alle  imprese e alle nostre popolazioni  che subiscono questa situazione drammatica dovuta anche ad una carenza infrastrutturale che è divenuta vergognosa.