Reggio: al via la raccolta firme per la proposta di legge contro le false cooperative

Presentata stamane, presso la sede della Provincia di Reggio Calabria, la campagna di raccolta firme contro le false cooperative: protagonisti dell’iniziativa, il coordinamento provinciale di  Reggio Calabria e il Coordinamento Regionale Generazioni di Legacoop Calabria

Provincia ReggioAl via a Reggio Calabria la raccolta firme per la proposta di legge contro le false cooperative.

Il Coordinamento provinciale di  Reggio Calabria e il Coordinamento Regionale Generazioni di Legacoop Calabria hanno presentato oggi, presso la sede della Provincia a Reggio Calabria, la campagna di raccolta firme contro le false cooperative.

La raccolta firme per la proposta referendaria della legge è stata lanciata dall’Alleanza delle Cooperative Italiane, di cui Legacoop fa parte, nell’ambito del “manifesto per un’economia pulita”.

La proposta di legge prevede misure volte ad ottenere provvedimenti più severi contro le false cooperative che raggirano regole e lavoratori.

In   particolare la proposta di legge porterà, qualora venisse approvata a revisioni immediate per le cooperative non controllate da tanto, la cancellazione dall’Albo nazionale delle cooperative non controllate, controlli incrociati con l’Agenzia delle entrate per chi apre o chiude attività per non pagare contributi.

Questa è una delle iniziative per promuovere maggiore trasparenza e legalità nell’economia, a partire dalla cooperazione.

Il responsabile provinciale di Reggio Calabria, Santo Custureri ed il coordinatore regionale di Generazioni, Filippo Laganà, hanno introdotto i lavori presentando la proposta di legge e le ragioni che sono alla base, riconoscendo a questa proposta elevato valore simbolico di posizionamento per la cooperazione che, insieme all’adesione al protocollo di legalità, sceglie una linea netta di comportamento.

Sono intervenuti alla presentazione della campagna di raccolta diversi rappresentanti delle istituzioni che hanno riconosciuto il valore dell’iniziativa e la sua pregevolezza.

Tra questi sono intervenuti, Federica Roccisano, che la prossima settimana verrà ufficialmente nominata nella carica di assessore regionale al Lavoro,  l’onorevole Nicola Irto, il consigliere provinciale Pierpaolo Zavettieri, il consigliere comunale Antonino Castorina che si sono detti particolarmente lieti dell’iniziativa.

Federica Roccisano ha sottolineato il ruolo che possono avere le cooperative per la creazione di opportunità di lavoro e la necessità di tutelare la buona cooperazione a partire da queste iniziative poiché essa più che da ogni altra cosa rischia di venir danneggiata da false cooperative.

Nicola Irto ha sottolineato come la Regione possa aiutare questo percorso di sensibilizzazione verso sul tema delle false cooperative, la cui presenza danneggia le cooperative sane che, al contrario, portano sviluppo sul territorio e, in questa direzione considera che il Consiglio Regionale possa impegnarsi, nell’ambito delle più ampie attività di cui è titolare anche di tale tema.

Infine il consigliere Provinciale Zavettieri  ha ribadito la propria disponibilità a sostenere questa proposta per il valore etico che ha in sé ma anche perché è un ulteriore passo verso un’economia sana e trasparente che aiuta lo sviluppo dei territori.

La presidente di  Legacoop Calabria ha accolto con grande soddisfazione l’impegno dei cooperatori della provincia di Reggio Calabria per la raccolta delle firme e la promozione della proposta di legge contro le false cooperative, ed ha ringraziato le istituzioni presenti per la sensibilità e la disponibilità ad un tale impegno che si può considerare parte del più complessivo impegno verso un’economia sana e solidale.