Reggio, uomo ucciso a colpi di falce: l’assassino confessa

Tragico omicidio nel reggino a Palizzi Marina: un uomo, il 26 luglio scorso, è stato ucciso a colpi di falce dopo essere stato investito. Il fatto delittuoso si è consumato sulla SS106

Falce Francesco Ferraro, il 41enne accusato dell’omicidio avvenuto domenica sera a Palizzi, nel reggino, ha confermato oggi la sua versione dei fatti davanti al gip di Locri durante l’interrogatorio di garanzia. Già subito dopo essersi consegnato ai carabinieri, l’uomo aveva sostenuto di essere stato vessato per anni dalla vittima, Antonio Genova, ed essere così arrivato all’esasperazione che lo avrebbe portato ad uccidere. Sulla base di quanto raccontato, Ferraro domenica sera avrebbe prima investito con un Suv Genova e poi lo avrebbe finito a colpi di falce. I carabinieri hanno trovato l’arma del delitto a tre chilometri circa di distanza, lungo la Statale 106 jonica. La vittima era stata arrestata nel 1994 per omicidio, poi nel 2008 aveva minacciato in pubblico una donna che aveva avuto una relazione con un suo parente, esplodendo alcuni colpi di pistola in aria alla presenza dei due figli della donna.