Reggio: sessione d’esami alla “scuola canina” [FOTO]

agility-dog  (8)È tempo di esami per le scuole di ogni ordine e grado ed è tempo di esami anche al Circolo Cinofilo “Campo Scuola del Griso” di Villa San Giovanni.

È infatti quasi terminato l’anno “scolastico” anche per coloro i quali hanno deciso di investire il loro tempo libero per approfondire e migliorare il rapporto con l’amico a quattro zampe. “Chiaramente – scherza uno degli istruttori - i cani sono stati tutti promossi!”. Nonostante le lezioni abbiano abbracciato, approfondito e raffinato ambiti diversi, dal comportamento, l’obbedienza, la difesa, la ricerca e la più “effimera” preparazione per le expo, la sessione d’ “esame” è stata “ludico-sportiva”. Una sessione di agility-dog per la quale i binomi sono stati divisi in due gruppi: esordienti e veterani. L’agility-dog è uno sport cinofilo ispirato ai concorsi ippici ad ostacoli, in questo caso il cane deve affrontare gli ostacoli, nell’ordine prestabilito, seguendo le indicazioni del conduttore, nel minor tempo possibile. Ogni binomio ha effettuato il percorso per tre volte ed è entrato in classifica prendendo il tempo migliore tra i tre. Un percorso circolare semplice che ha comunque impegnato padroni e cani regalando momenti emozionanti anche per i tifosi/parenti accorsi per l’occasione.
La classifica finale ha visto premiati i primi tre classificati per ogni classe.

Per i veterani:

1)   Gaetano Catalano con Power (razza Malinois) con 23.60
2)   Patrizia Russo con Turbo (razza Dalmata) con 25.41
3)   Antonino Messina con Ares (razza Pitbull) con 26.65

Per gli esordienti:

1)   Alba Barbieri con May (razza Malinois) con 26.66
2)   Felice Mangone con Zeus (razza Boxer) con 30.86
3)   Federica Calabrese con Buddy (razza Meticcio) con 32.73

Dopo la premiazione e le foto di rito si è passati ai meritati festeggiamenti; le lezioni proseguiranno per tutto il mese di luglio per poi essere sospese per il mese di agosto … perché “meticolosamente addestrato l’uomo può diventare il miglior amico del cane” (cit. Corey Ford).