Reggio, Maiolino: “l’amministrazione fa male i conti, i cittadini continueranno a pagare tasse elevate”

Maiolino: “la Giunta comunale non ha resistito e ha promesso agevolazioni fiscali, utilizzando dati e metodi approssimativi, in realtà i cittadini continueranno a pagare tasse elevate”

palazzo san giorgio“Renzi deve aver tenuto dei corsi serali su come fare annunci che poi non corrispondono alla realtà, perché dopo le sue promesse di abbassare le tasse, anche la Giunta comunale non ha resistito e ha promesso agevolazioni fiscali, utilizzando dati e metodi approssimativi, in realtà i cittadini continueranno a pagare tasse elevate”. Lo afferma in una nota il capogruppo di Reggio Futura Antonino Maiolino, in merito alle dichiarazioni dell’Assessore Neri su una possibile agevolazione della pressione fiscale. “Per quanto riguarda la TARI – afferma Maiolino – ovvero la tassa sui rifiuti, quello che l’amministrazione sta facendo è calcolare su base previsionale all’interno del Piano Economico e Finanziario un costo del servizio, composto da costi fissi + variabili, di euro 39.330.037,18 vicinissimo al dato del 2014 di euro 39.476.148,75, questo dato che è la base di partenza per calcolare la tariffa, risulta a mio avviso errato, poiché grazie allo svolgimento del servizio di raccolta differenziata “porta a porta” in molte zone della città, ci deve essere stato necessariamente un risparmio dovuto alla riduzione del materiale indifferenziato da smaltire in discarica. Nel suo complesso – continua Maiolino – il costo del servizio  porterebbe, come in altri Comuni, una riduzione tariffaria che oscilla tra il 10% e il 20%.  L’amministrazione non ha tenuto conto di questa situazione  lasciando i dati invariati e prevedendo solo una modifica al regolamento con l’introduzione dell’articolo 28-bis di bonus incentivante per il conferimento diretto dei rifiuti differenziati. In pratica i cittadini che oltre a fare la differenziata si prendono la briga di andare all’isola ecologica per lasciare i rifiuti, avranno un bonus incentivante stabilito successivamente con apposita delibera e che scaturisce da una raccolta di ecopunti  in base ai kg di rifiuti conferiti. Una raccolta punti da fare invidia alle migliori offerte dei supermercati, peccato che siamo in una Città metropolitana – prosegue Maiolino – dove i cittadini chiedono di pagare meno tasse, non di ricevere televisori o abbonamenti in base ai punti che fanno. La raccolta differenziata sta avendo buoni risultati, sarebbe appropriato premiare i cittadini che già la applicano con una riduzione fiscale, considerato che fanno risparmiare il Comune, invece si pretende che oltre a fare la differenziata si debba andare anche all’isola ecologica. Non si capisce perché si debba fare qualsiasi cosa per rendere complicata la vita dei reggini. Inoltre non sono state tenute per nulla in considerazione eventuali agevolazioni per la famiglie disagiate e con presenza di persone disabili che già vivono momenti di grande difficoltà. Anche sull’Imu si ripristina un’agevolazione a uso gratuito da genitori a figlio con l’aliquota che scende dal 10,6% al 6 per mille, a condizione che i contratti di comodato d’uso gratuito siano regolarmente registrati e che le abitazioni abbiano una rendita catastale che non superi le 250,00 euro, dunque una rendita bassissima e che vedrà pochi beneficiari di questa agevolazione. In consiglio comunale – conclude Maiolino – daremo battaglia affinché vengano modificate tutte quelle iniziative che non servono o non fanno nulla per aiutare la vita dei nostri concittadini.”