Reggio, lettera a StrettoWeb: “non ricordiamoci della malasanità solo quando rimane vittima un volto noto, interroghiamoci sempre”

Reggio, lo sfogo di un lettore di StrettoWeb: “interroghiamoci sempre sulla malasanità e non solo quando è coinvolto un volto noto”

sanitàSfogo di un lettore di StrettoWeb Luigi Desmo sui casi di malasanità: “interroghiamoci sempre sulla malasanità e non solo quando è coinvolto un volto noto”

Caro Direttore e cari lettori,
Come un mese addietro apprendevo la terribile notizia della morte di una persona d’oro, che alla nostra terra non poteva che portare lustro e che sopratutto portava gente a contatto con la sua terra, ieri ho appreso di un interrogazione parlamentare al ministro della salute sulla spiacevole vicenda del giornalista Pino Anfuso. Mi duole che queste interrogazioni non vengano fatte,ahimé, ogni giorno poiché le morti strane,ingiuste e tutte da chiarire nella loro dinamica sono ormai diventate quasi quotidianitá negli ospedali reggini,calabresi e forse italiani. Spero che questa interrogazione possa sostenere non solo la causa del povero Pino, ma anche quella di tante altre povere sfortunate persone che “irunu mi trovunu grazia e truvaru giustizia” in questo o quel nosocomio, persone meno note di Pino all’opinione pubblica, ma che come Pino avevano una moglie e dei figli che ancora oggi aspettano giustizia,veritá e considerazione ma senza che nessuno facesse rimbalzare la notizia nei palazzi del potere. Scusate lo sfogo e ne approfitto per porgere un forte abbraccio alla moglie ed alle figlie di Pino, ma anche di Luigi, Giuseppe, Luca,Pietro,Giovanni… Non ricordiamoci della nostra “sanitá” solo quando rimane vittima un volto noto, interroghiamoci sempre.

Luigi Desmo